Home / CINEMA / Alice nella Città – Il programma della 15a edizione della sezione dedicata ai ragazzi della Festa del Cinema di Roma

Alice nella Città – Il programma della 15a edizione della sezione dedicata ai ragazzi della Festa del Cinema di Roma

Alice nella Città 2017: un’edizione, quella che s’apre il 26 ottobre e si chiude il 5 novembre, ricca di anteprime, cartoon, storie di ragazzi da tutto il mondo e giovani autori. Ecco il programma della rassegna parallela della Festa del Cinema di Roma. 

Da sempre attenta ai temi legati alle giovani generazioni, Alice nella città, giunta alla sua 15a edizione, presenterà un programma di anteprime assolute, esordi alla regia e conferme originali. 12 le opere del Concorso Young Adult, 3 film Fuori Concorso, 2 co-produzioni con la Festa del Cinema e 5 eventi speciali e 3 serie eventi speciali. La sezione autonoma e parallela alla Festa del Cinema di Roma propone un’edizione ricca di film e presenze: “Con uno sguardo rivolto al femminile, una forte presenza di sfumature fantastiche e quella fame di estremo che caratterizza l’adolescenza”, spiegano i curatori Fabia Bettini e Gianluca Giannelli. Tra gli ospiti internazionali Orlando Bloom e Dakota Fanning, che saranno protagonisti di una Masterclass, Trudie Styler, Zoe Cassavetes. e per l’Italia i The Jackal, Sergio Rubini, Cristiana Capotondi, Amanda Lear, Giuseppe Battiston, Barbora Bobulova.

alice-nella-città-2017-dakota-fanning

Per la sezione Young Adult la giuria sarà composta da 20 ragazzi e ragazze selezionati su tutto il territorio italiano. Quattro le opere prime: Dreams by the sea di Sakaris Stórá, una storia di lotta, amore e identità, End of Summer di Quan Zhou, sulla complessità di tre generazioni attraverso lo sguardo di un bimbo di quinta elementare, Menina di Cristina Pinheiro, incentrato su Luisa Palmeira, ragazzina di otto anni con un padre alcolizzato che le confessa un terribile segreto e The Changeover di Miranda Harcourt e Stuart McKenzie, una combinazione perfetta di thriller soprannaturale e vicende adolescenziali. Seguiranno poi due lungometraggi tratti da una fonte letteraria: And then I go di Vincent Grashaw, dall’acclamato romanzo di Jim Shepard Project X e The Breadwinner di Nora Twomey, film d’animazione dal bestseller di Deborah Ellis Sotto il burqa. Due opere affronteranno i temi del disagio familiare e della ricerca disperata e necessaria di un equilibrio: Please stand by di Ben Lewin con Dakota Fanning, Toni Colle e Alice Eve e Porcupine Lake di Ingrid Veninger. I bambini saranno i protagonisti delle pellicole: Tomorrow and thereafter di Noemie Lvosvsky, The best of all worlds di Adrian Goiginger e Giants don’t exist di Chema Rodríguez.

alice-nella-città-2017-skam

Per la sezione Panorama con ben 11 titoli, menzioniamo Brigsby Bear di Dave Mccary già proiettato al Sundance e passato per Cannes, Blue my mind di Lisa Bruhlmann che partendo dal complicato processo di crescita che coinvolge la quindicenne Mia cerca di raccontare un’adolescenza selvaggia a base di sesso e droghe, My friend Dahmer di Marc Meyers, storia di un impacciato e timido adolescente destinato a diventare un famigerato serial killer tratto da una graphic novel di Derf Backderf. Oltre ai 9 lungometraggi, Panorama Italia riserva una fetta importante ai cortometraggi, ben 12. Io sono qui di Gabriele Gravagna, documentario che affronta il tema delicato dell’immigrazione, Guarda in alto di Fulvio Risuleo, labirintico viaggio sui tetti di Roma, Si muore tutti democristiani alcune delle opere presentate.

Nei film Fuori concorso oltre a Beyond the Sun, film voluto da Papa Francesco, grandi aspettative sono riservate su Capitan Mutanda di David Soren e su Mazinga Z Infinity di Junji Schimizu. Nei Special Event spazio tra gli altri ai The Jackal che portano Addio fottuti musi verdi ed a Paddington 2 di Paul King nel cui cast figura Hugh Grant. Prevista a Roma anche la presenza di Orlando Bloom per Romans di Ludwig e Paul Shammasian.

alice-nella-città-2017-orlando-bloom

Completano l’ampio programma di Alice nella Città, l’attenzione riservata a tre Serie Tv: Skam su tutte, teen drama norvegese arrivato alla ribalta internazionale per la novità e la freschezza dell’esposizione, le Working class con Orlando Boom e Dakota Fanning, ed infine le iniziative di Every child is my child, una compagnia nata da un gruppo di artisti che ha concentrato attualmente il suo sguardo sulla Siria e le conseguenze della guerra chimica, a cui è riservata quest’anno la sigla del festival, dei bambini che corrono in ogni dove, che sarà mandata prima di tutte le proiezioni ufficiali.

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

detroit-recensione-film-copertina

Detroit, il film sui tragici sconti del 1967 presentato al RomaFF12

Detroit: Uscito negli Stati Uniti lo scorso 4 luglio e presentato in concorso alla dodicesima …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *