Home / RECENSIONI / Drammatico / Collateral Beauty – Recensione – Un Film di David Frankel

Collateral Beauty – Recensione – Un Film di David Frankel

“Collateral Beauty”: David Frankel dirige Will Smith nel nuovo dramma distribuito al cinema da Warner Bros dal 4 Gennaio 2017. Il regista di successi come “Io & Marley” e “Il diavolo veste Prada” porta sullo schermo una storia di dolore e speranza, aiutato da un cast stellare che oltre all’ex principe di Bel-Air vede tra le sue fila:  Kate Winslet, Edward Norton, Helen Mirren e Keira Knightley.

Howard (Will Smith) è un pubblicitario devastato dalla morte della piccola figlia. Arrabbiato con il mondo e con il destino scrive tre lettere, rispettivamente al Tempo, alla Morte e all’Amore. Preoccupati per il destino dell’agenzia in cui lavorano con Howard, i suoi colleghi decidono di far interpretare a dei teatranti i ruoli fittizi delle tre divinità, idea che spinge il protagonista a credere di star lentamente impazzendo.

collateral-beauty-recensione-film-testa

La sceneggiatura di “Collateral Beauty” è l’elemento più evidente del film, dato che molto del tempo sullo schermo è occupato da lunghi e retorici dialoghi. Gli scrittori non si sforzano di mostrare quello che vogliono trasmettere, si limitano a verbalizzare il tutto con una serie di dialoghi dalla scarsa efficacia. Oltre ad essere assolutamente irrealistici e a tratti insopportabilmente melensi, sono difficili da seguire data la loro scarsa capacità di suscitare interesse. Un altro difetto della sceneggiatura è sicuramente quello della totale mancanza di mistero o di fiducia nella capacità cognitiva dello spettatore. Nulla di quello che circonda la narrazione e il suo intreccio è lasciato all’intuito, ogni minimo dettaglio è esplicitato con un dialogo, senza una minima originalità. [La trovata del film è interessante, l’intreccio è ben studiato e per quanto la vicenda si esaurisca in meno di un’ora, funziona e intrattiene. Il problema è che sarebbe risultata sicuramente più accattivante ed efficace se non fosse stata “spoilerata” dai personaggi dall’inizio, se fosse stato lasciato allo spettatore il compito di capire cosa sta realmente accadendo.]

collateral-beauty-recensione-film-centro

Le interpretazioni degli attori sono in linea di massima scialbe, eccezion fatta per Helen Mirren, un po’ più vitale dei suoi colleghi, che nel complesso sembra azzeccata per la parte e con il suo umorismo si inserisce bene all’interno del contesto. Will Smith invece spicca come protagonista per la sua incredibile pesantezza e ostentata tristezza, un mare di lacrime e falsi sentimenti con cui interpreta il suo personaggio. La regia è uno degli aspetti meno melensi di “Collateral Beauty”, la direzione artistica è originale e dà il giusto “look” al film. La colonna sonora è molto presente fin dall’inizio ma quello che più colpisce è la fotografia. Protagoniste di ogni frame sono le luminarie di Natale, a volte più presenti o a volte più discrete, che colorano e illuminano ogni singola inquadratura, creando l’atmosfera giusta e dando alle immagini una complessità non scontata.

collateral-beauty-recensione-film-fine

“Collateral Beauty” è il tipico drammone natalizio, con un eccessi di tristezza e malinconia che esplodono ogni vota che la trama glielo permette, stancando e lasciando lo spettatore al di fuori della vicenda. Troppi pianti e troppi genitori con i cuori infranti per ottenere un minimo di credibilità, il plot arranca e si trascina per l’intera durata del film, finché non arriva il colpo di scena finale, che per quanto possibile, risolleva le sorti di un film dimenticabile e inutile.

Regia: David Frankel Con: Kate Winslet – Will Smith – Keira Knightley – Helen Mirren – Edward Norton – Michael Peña – Naomie Harris – Enrique Murciano – Kylie Rogers – Natalie Gold – Liza Colón-Zayas Anno: 2016 Durata: 94 min. Paese: USA Distribuzione: Warner Bros.
"Collateral Beauty": David Frankel dirige Will Smith nel nuovo dramma distribuito al cinema da Warner Bros dal 4 Gennaio 2017. Il regista di successi come "Io & Marley" e "Il diavolo veste Prada" porta sullo schermo una storia di dolore e speranza, aiutato da un cast stellare che oltre all'ex principe di Bel-Air vede tra le sue fila:  Kate Winslet, Edward Norton, Helen Mirren e Keira Knightley. Howard (Will Smith) è un pubblicitario devastato dalla morte della piccola figlia. Arrabbiato con il mondo e con il destino scrive tre lettere, rispettivamente al Tempo, alla Morte e all'Amore. Preoccupati per il destino dell'agenzia in…
Commento Finale - 48%

48%

Melenso, tristissimo e ostentatamente tragico. Il film è un susseguirsi di situazioni sbagliate e dialoghi molto poco realistici, spiegoni da fiction televisiva e interpretazioni dimenticabili. La fotografia risolleva un po' le sorti della pellicola, dando un po' di vita e spirito natalizio a quello che, nonostante le premesse, sembra un film assolutamente vuoto e privo di sentimenti sinceri. Un plot trascinato e svogliato, che si risveglia solo con un colpo di scena finale, e che comunque non cancella un'ora e mezza di inutili dialoghi e pianti di Will Smith.

User Rating: 3.51 ( 4 votes)

About Alice De Falco

Innanzitutto è fondamentale dire che prova molto imbarazzo nel descriversi in terza persona, ma cosa non si fa per la gloria. Al mondo da fine 1996, fa le scuole (come tutti) e poi le finisce (come quasi tutti), dicendo addio al liceo scientifico e ciao al magico mondo del cinema. Da grande vuole fare la regista, avere un sacco di soldi e possibilmente sposare Wes Anderson anche se è un po’ brutto.

Guarda anche

Il-diritto-di-uccidere-recensione-bluray-copertina1

Il Diritto di Uccidere – Recensione del Blu-Ray Disc del film che analizza i dubbi etici della guerra

Il Diritto di Uccidere, la splendida pellicola di Gavin Hood, arriva in Home Video con CG …

2 commenti

  1. Come si può parlare di sentimenti non sinceri? Fa così figo comportarsi da duri? Si parla della morte di una bambina e del dramma di un padre ad affrontare la vita e tu mi vieni a dire di sentimenti non sinceri? Teniamoci i cinepanettoni che quelli si che sono ricchi di dialogo e di interpretazioni fantasmagoriche. Cosa importa se viene definito melense, sfido chiunque a non immedesimarsi nella storia e commuoversi. Alla fine perfetto o no ha emozionato come film e si fatto anche piangere dato che comunque il tema trattato non era assolutamente così superficiale come lo hai fatto passare te.

  2. emozionante, intenso e commovente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *