Home / RECENSIONI / Biografico / L’uomo che vide l’infinito – Recensione – Un Film di Matt Brown

L’uomo che vide l’infinito – Recensione – Un Film di Matt Brown

“L’uomo che vide l’infinito” racconta la vita del matematico Srinivasa Ramanujan, tratta dall’omonimo libro di Robert Kanigel e portata sullo schermo da Matt Brown.

Basato su di una storia vera in L’uomo che vide l’inifnito“, seguiamo il giovane matematico Srinivasa Ramanujan (Dev Patel), che dopo una infanzia povera e priva di istruzione in India, ottiene l’ammissione all’Università di Cambridge , dove diventa un pioniere nelle teorie matematiche sotto la guida del suo professore e mentore, G. H. Hardy (Jeremy Irons). L’amicizia e la collaborazione intellettuale che nasce tra i due li porterà a grandi risultati, ancora oggi fondamentali per le scoperte più moderne.

L-uomo-che-vide-linfinito-recensione-testa

Caratterizzato da una narrazione godibile, il film coinvolge perfettamente lo spettatore fin dai primi minuti. I personaggi sono ben caratterizzati ed è impossibile non farsi prendere emotivamente dal percorso di Ramanujan. Le vicende narrate offrono un interessante background a uomini dei quali si studiano solitamente solo i meriti accademici, senza soffermarsi sulla loro vita. Suscita curiosità entrare nel processo creativo di scoperte così sensazionali, capire i meccanismi mentali che hanno permesso queste rivelazioni. La matematica è raccontata come un’arte, che ha forma e contenuto e come tale deve cercare un equilibrio. I protagonisti sono artisti, che con un processo creativo, allo stesso modo di un pittore o di un musicista, danno forma attraverso i numeri ad intuizioni e sensazioni. Gli attori interpretano con spessore ed emozione i loro personaggi, a partire da Jeremy Irons che da subito stabilisce la sua imponenza sullo schermo al giovane Dev Patel, attore di origine indiana apprezzato fin dagli esordi, che si conferma ancora una volta un brillante talento. La regia per quanto semplice è efficace, accompagnata da una buona fotografia e costumi piacevoli.

L-uomo-che-vide-linfinito-recensione-centro

L’uomo che vide l’infinito ha un unico vero limite, pecca di banalità: non viene mostrato nulla di nuovo, ne c’è il tentativo di farlo. La pellicola è estremamente convenzionale, un biopic che segue le regole del suo genere e che non cerca di andare oltre. La seconda parte del film è un po’ ripetitiva: i conflitti diventano troppo frequenti e la struttura disarmonica. I momenti di tensione sono nettamente superiori a quelli positivi e questo stanca lo spettatore. Allo stesso modo è trascurata l’evoluzione dei due protagonisti, la nascita della loro amicizia, che da un certo punto in poi è data per scontata.  Il flusso temporale è confuso, le distanze  non sono chiare. 

L-uomo-che-vide-linfinito-recensione-fine

L’uomo che vide l’infinito è una pellicola emozionante, in cui i difetti non mancano ma non si fanno sentire eccessivamente. Non si tratta di un prodotto presuntuoso, non di certo eccelso ma più che discreto per ciò che vuole raccontare. Meno appariscente di altri film sul genere tuttavia altrettanto meritevole.

Regia: Matt Brown Con: Jeremy Irons – Dev Patel – Toby Jones – Stephen Fry – Jeremy Northam – Kevin McNally –Enzo Cilenti – Devika Bhise – Shazad Latif – Padraic Delaney –Alexander Cooper – Richard Cunningham Anno: 2015 Paese: Gran Bretagna Durata: 108 min. Distribuzione: Eagle Pictures
"L'uomo che vide l'infinito" racconta la vita del matematico Srinivasa Ramanujan, tratta dall'omonimo libro di Robert Kanigel e portata sullo schermo da Matt Brown. Basato su di una storia vera in "L'uomo che vide l'inifnito", seguiamo il giovane matematico Srinivasa Ramanujan (Dev Patel), che dopo una infanzia povera e priva di istruzione in India, ottiene l'ammissione all'Università di Cambridge , dove diventa un pioniere nelle teorie matematiche sotto la guida del suo professore e mentore, G. H. Hardy (Jeremy Irons). L'amicizia e la collaborazione intellettuale che nasce tra i due li porterà a grandi risultati, ancora oggi fondamentali per le scoperte più moderne. Caratterizzato da una narrazione godibile, il film coinvolge perfettamente lo spettatore fin dai primi…
Commento Finale - 75%

75%

Un film che nella sua semplicità riesce ad emozionare e intrattenere, non pecca di presunzione e attenendosi ad una struttura lineare, magari un po' banale e prevedibile, si segnala come una piccola delizia inaspettata. I protagonisti sono meravigliosi nei loro ruoli, interpretati con sensibilità e spessore. Con una storia di base interessante e commovente, è un prodotto più che discreto.

User Rating: 0.75 ( 1 votes)

About Alice De Falco

Innanzitutto è fondamentale dire che prova molto imbarazzo nel descriversi in terza persona, ma cosa non si fa per la gloria. Al mondo da fine 1996, fa le scuole (come tutti) e poi le finisce (come quasi tutti), dicendo addio al liceo scientifico e ciao al magico mondo del cinema. Da grande vuole fare la regista, avere un sacco di soldi e possibilmente sposare Wes Anderson anche se è un po’ brutto.

Guarda anche

happy-end-recensione-copertina

Happy End – Michael Haneke e la sua satirica analisi della borghesia contemporanea

Michael Haneke torna nelle sale italiane dal 30 novembre con Happy End, il suo nuovo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *