Home / RECENSIONI / Drammatico / Toxic Jungle – Recensione – Un Film di Gianfranco Quattrini

Toxic Jungle – Recensione – Un Film di Gianfranco Quattrini

Bio-pic immaginario che mescola musica, amore e morte, e il viaggio da sempre archetipo di ricerca e di cambiamento interiore, arriva in Italia, dopo due anni, Toxic Jungle, l’on the road ambientato in Amazzonia.

Opera seconda di Gianfranco Quattrini, Toxic Jungle racconta la parabola ascendente e discendente di due fratelli, i Fratelli Santoro, la rock band pioniera del rock argentino nella psichedelica onda della fine degli anni ’60 ai primi settanta. Una rievocazione dell’epoca del sesso, droga e rock’n’roll da un punto di vista culturale della gioventù sudamericana degli anni ’60, che sognava come meta del viaggio iniziatico la Foresta Amazzonica.

toxic-jungle-recensione-alto

Muovendosi su diversi piani narrativi: il presente di un vecchio e disfatto Diamond e il passato rievocato da vari flashback che evidenziano i conflitti con il fratello Nicky che portarono rapidamente alla crisi di una band che aveva avuto successo troppo in fretta, Toxic Jungle (in originale Planta Madre) evidenzia il caos interno che Diamond si trova ad affrontare: il se stesso da giovane (Emiliano Carrazone) che si muove come se fosse un demone impertinente, con conseguenze pericolose, su piani di percezione che confondono presente e passato.

Come in un trip psichedelico, Quattrini disegna una cartina concettuale ricca di immagini, rumori, influenze e percezioni in un bio-pic immaginario che mescola musica, amore e morte. Il vero film però ha inizio nel viaggio che porterà Diamond nel cuore della foresta Amazzonica, per compiere il viaggio di purificazione che da sempre il fratello avrebbe voluto per sé. Sarà nel viaggio e nell’incontro con l’esperienza rituale della Ayahuasca, una pianta sacra considerata curativa, che la guarigione fisica ma soprattutto dell’anima comincerà.

toxic-jungle-recensione-centro

Mescolando più anime, un po road movie, un po cinema sperimentale e indipendente, un po pellicola musicale, Toxic Jungle mostra i limiti di una commistione che solo a rari tratti fa presa. Nonostante l’incursione nell’universo esotico della selva amazzonica, l’opera risulta confusionaria e dalla scrittura abbastanza noiosa a causa dell’eccessiva importanza che il regista da ad allucinazioni e ricordi.

Regia: Gianfranco Quattrini Con: Robertino Granados, Manuel Fanego, Emiliano Carrazzone, Camila Perissé, Santiago Pedrero Anno: 2014 Durata: 87 Min Paese: Argentina, Perù, Italia Distribuzione: Istituto Luce-Cinecittà
Bio-pic immaginario che mescola musica, amore e morte, e il viaggio da sempre archetipo di ricerca e di cambiamento interiore, arriva in Italia, dopo due anni, Toxic Jungle, l'on the road ambientato in Amazzonia. Opera seconda di Gianfranco Quattrini, Toxic Jungle racconta la parabola ascendente e discendente di due fratelli, i Fratelli Santoro, la rock band pioniera del rock argentino nella psichedelica onda della fine degli anni '60 ai primi settanta. Una rievocazione dell'epoca del sesso, droga e rock'n'roll da un punto di vista culturale della gioventù sudamericana degli anni '60, che sognava come meta del viaggio iniziatico la Foresta Amazzonica. Muovendosi su diversi…
Commento finale - 55%

55%

Toxic Jungle

Film indipendente dallo sguardo originale, Toxic Jungle mescola musica, amore e morte, e il viaggio da sempre archetipo di ricerca e di cambiamento interiore. L'atmosfera esotica della foresta amazzonica con i suoi riti e l'apparato visivo psichedelico che abbraccia il profondo e vivo cuore sudamericano fa da corniice a uno sguardo su un'ipotetica scena rock argentina degli anni sessanta che rende l'opera confusionaria e dalla scrittura abbastanza noiosa.

User Rating: Be the first one !

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

infinity-borotalco-verdone-roma-copertina

Infinity celebra Borotalco di Carlo Verdone in versione restaurata alla Festa del Cinema di Roma

Alla dodicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, Infinity celebrerà i 35 anni della pellicola  di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *