Home / TV / Serie TV / The 100 – Jason Rothenberg dice la sua sulla scomparsa di Lexa
The-100-Jason-Rothenberg-copertina

The 100 – Jason Rothenberg dice la sua sulla scomparsa di Lexa

La serie tv post-apocalittica più famosa degli Stati Uniti, The 100 (‘I cento’ in italiano), è sempre stata costellata da morti più o meno tragiche, ad esempio basta ricordare quella di Finn. Lexa, comandante delle tribù dei Terrestri, non poteva sfuggire quindi a un destino tragico. Non c’è però da stupirsi se i fan non abbiano preso bene questa morte, soprattutto dopo che lei e Claire erano finalmente riuscite a dare libero sfogo al loro amore, represso per troppo tempo. Inoltre non si discute tanto la morte del personaggio, quanto il modo in cui questa sia avvenuta. Tutti noi avremmo immaginato un’epica battaglia in cui Lexa avrebbe combattuto fino alla fine, tenace come era, e invece si è trattato di un omicidio dettato dal caso e da un attimo di frenesia.

Jason Rothenberg, ideatore della serie, ha però pubblicato una lettera rivolta ai fan, dal titolo ‘The Life And Death Of Lexa’, dove oltre a scusarsi per aver procurato tanta sofferenza ai fan esprime implicitamente tutto il suo disagio di fronte alle pesanti critiche ricevute sui social.

In questa lettera Jason motiva la scelta di far morire Lexa subito dopo la scena d’amore con Claire, con lo scopo di enfatizzare la fragilità della vita. Ma il messaggio che voleva trasmettere sarebbe stato frainteso dai più, visto come una condanna dell’amore tra due donne.

“Despite my reasons, I still write and produce television for the real world where negative and hurtful tropes exist. And I am very sorry for not recognizing this as fully as I should have. Knowing everything I know now, Lexa’s death would have played out differently.”

Con il senno di poi quindi Rothenberg ammette che avrebbe fatto in modo che la morte di Lexa fosse avvenuta in modo completamento diverso.

“The 100 is a post-apocalyptic tragedy set 130 years in the future. It’s a constant life and death struggle. In our show, all relationships start with one question: ‘Can you help me survive today?’ It doesn’t matter what color you are, what gender identity you are, or whether you’re gay, bi or straight.”

“For those of you wondering about the series’ path ahead, The 100 is a show where people don’t get over things quickly. This goes for physical injuries as well as emotional ones. Clarke is experiencing the profound loss of someone she loved, and she’ll carry that loss with her forever. My sincerest hope is that any of our fans who saw a part of themselves in the relationship between Clarke and Lexa can take some small comfort in knowing that their love was beautiful and real.”

La spiegazione di Jason Rothenberg può non convincere del tutto, ma è chiaro che l’ideatore della serie intende chiudere definitivamente questo discorso, forse anche in risposta al fatto che i fan di Lexa e della coppia Lexa-Claire abbiano tentato di sabotare la serie, rifiutandosi in massa di continuare a vedere gli episodi successivi. Questo tentativo di Jason sarà sufficiente? Lo scopriremo con molta probabilità quando The 100 tornerà in onda, ossia giovedì 31 marzo 2016

Qui la lettera originale. 

About Edoardo Fasano

Edoardo Fasano
Studente di matematica e appassionato di serie tv. Continua a sperare che i suoi personaggi preferiti non muoiano, invano. Ascolta un po' di tutto, vede un po' di tutto.

Guarda anche

nemeton-itacon-glorious-v-edizione-copertina

Nemeton ItaCon Glorious – La V Edizione Della Convention Italiana Dedicata A Teen Wolf Sta Per Arrivare

Avete mai desiderato incontrare gli attori della vostra serie tv preferita? Beh, ora ne avete …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.