Home / RECENSIONI / Azione / Una spia e mezzo – Recensione – Un Film di Rawson Marshall Thurber

Una spia e mezzo – Recensione – Un Film di Rawson Marshall Thurber

Buddy movie classico che abbina due personaggi molto diversi che iniziano litigando e finiscono per fare squadra, Una spia e mezzo propone la coppia inedita Dwayne Johnson e Kevin Hart alle prese con una commedia d’azione che non dimentica il messaggio da veicolare.

Buddy-movie classico che abbina due personaggi molto diversi che iniziano litigando e finiscono per spalleggiarsi e, in un certo senso, a volersi bene, Una spia e mezzo propone un Dwayne Johnson, agente della CIA alle prese con una missione da compiere, spalleggiato, suo malgrado da Kevin Hart, suo compagno ai tempi della scuola che lo “aiuta”.

Una-Spia-e-Mezzo-recensione-alto

In una fin troppo classica commedia all’americana diretta da Rawson Marshall Thurber, piena di cliché, ma anche zeppa di ironiche e divertenti citazioni tratte da film dei generi più disparati, Kevin Hart e Dwayne Johnson si scambiano i ruoli: il comico di “Un poliziotto in prova”, infatti, diventa la spalla di un nuovo e sorprendentemente versatile The Rock, che stavolta interpreta un agente capace di uccidere un uomo senza problemi, ma incapace di rivolgere la parola al bullo che vent’anni prima lo perseguitava al liceo, l’appassionato di unicorni che non ha mai superato i problemi causatigli dal bullismo, ma che sembra essere ricercato da mezza CIA per tradimento.

La vera innovazione di Una spia e mezzo è che il ruolo più severo e asciutto, quello del tipo tutto d’un pezzo, non viene assegnato al consueto agente governativo, ma alla spalla, Kevin Hart, che è qui la parte seria e razionale della coppia.  The Rock è il perfetto agente CIA, ma la sua indole è dolce. Indossa il marsupio, veste magliette colorate con gli unicorni e non si vergogna ad abbracciare le persone, incarnando perfettamente il contrasto del suo personaggio e che non ha vergogna di inscenare un po’ di quella bromance tra uomini che oggi va tanto di moda.

Nonostante sia una commedia piacevole, in alcuni momenti Una spia e mezzo appare di un umorismo un po’ scontato con riferimenti troppo pressanti sulle caratteristiche effeminate del protagonista, decisamente retrograde; anche se la parte più debole risulta essere proprio la spy-story, decisamente prevedibile, che sottende a tutto il film.

Una-spia-e-mezzo-recensione-centro

Con uno svolgimento classico e prevedibile, Una spia e mezzo riesce a ritagliarsi un suo spazio grazie al lavoro fatto sui personaggi ed evidenziando in modo leggero un messaggio nemmeno troppo velato: chi è stato vittima di bullismo porterà dentro di se le conseguenze di quanto vissuto per tutta la vita. Godibile.

Regia: Rawson Marshall Thurber Con: Dwayne Johnson, Kevin Hart, Ike Barinholtz, Aaron Paul, Amy Ryan, Megan Park, Ryan Hansen, Danielle Nicolet Anno: 2016 Durata: 107 Min Paese: USA Distribuzione: Universal Pictures
Buddy movie classico che abbina due personaggi molto diversi che iniziano litigando e finiscono per fare squadra, Una spia e mezzo propone la coppia inedita Dwayne Johnson e Kevin Hart alle prese con una commedia d'azione che non dimentica il messaggio da veicolare. Buddy-movie classico che abbina due personaggi molto diversi che iniziano litigando e finiscono per spalleggiarsi e, in un certo senso, a volersi bene, Una spia e mezzo propone un Dwayne Johnson, agente della CIA alle prese con una missione da compiere, spalleggiato, suo malgrado da Kevin Hart, suo compagno ai tempi della scuola che lo "aiuta". In una fin troppo classica commedia all'americana…
Commento finale - 63%

63%

Una spia e mezzo

Buddy movie classico che abbina due personaggi molto diversi che iniziano litigando e finiscono per fare squadra, Una spia e mezzo ha di innovativo il ribaltamento dei ruoli: la parte seria e razionale è affidata alla spalla Kevin Hart. Dwayne Johnson-The Rock, agente CIA dall'indole sensibile, è il perfetto macho dall'animo dolce, esuberante e molto orsacchiotto che incarna perfettamente il contrasto tra la sua fisicità e il suo animo. Bello il messaggio veicolato in modo leggero: chi è stato vittima di bullismo porterà dentro di se le conseguenze di quanto vissuto per tutta la vita.

User Rating: Be the first one !

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

godless-recensione-cover

Godless – Netflix punta alto con la miniserie western di Scott Frank

Netflix goes western: scritta e diretta da Scott Frank, Godless è un altro innesto importante …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *