Home / RECENSIONI / Drammatico / Senza lasciare traccia – Recensione – Un Film di Gianclaudio Cappai

Senza lasciare traccia – Recensione – Un Film di Gianclaudio Cappai

“Senza lasciare traccia” opera prima di Gianclaudio Cappai con Michele Riondino

Un uomo e la sua memoria, un uomo e la sua ossessione, un uomo e la sua malattia. Un trittico inscindibile che Bruno (Michele Riondino), protagonista di “Senza lasciare traccia“, si trascina addosso come un macigno, come un peso indicibile. Che segreto si cela dietro alle sue cicatrici? Cosa c’entra la vecchia fornace col suo doloroso ricordo e col cancro che lo sta divorando da dentro senza lasciare traccia? Bruno è convinto che quella sua rabbia, covata dentro di lui fin da piccolo, si sia trasformata in malattia, in patologia, in cancro e che ci sia solo una maniera per eliminarla del tutto.

senza-lasciare-traccia-recensione-centro

Gianclaudio Cappai mette in scena, in un granuloso e affascinante 16mm, una storia cupa e torbida, che pesca a piene mani dal thriller e dal revenge movie ma che, tuttavia, non ha mai il coraggio di osare davvero e di scavare fino in fondo alle ferite. “Senza lasciare traccia” è un film che lascia interdetti, che non convince fino in fondo, con tanti e troppi non detti, senza quella cattiveria necessaria a un prodotto del genere. La sceneggiatura tende a dire poco e male, i personaggi appaiono tendenzialmente piatti e privi di profondità, la storia non riesce mai a coinvolgere fino in fondo e alcune scelte di montaggio sembrano eccessivamente forzate. Si ha la sensazione che Cappai volesse sfiorare il film di genere senza tuttavia toccarlo, forse per paura di perdere “l’aura autoriale”.

Una buona, forse ottima, intuizione che non si è compiuta come doveva. Un film a metà che di certo non lascia traccia nel ricordo degli spettatori.

Regia: Gianclaudio Cappai Con: Michele Riondino – Valentina Cervi – Vitaliano Trevisan – Elena Radonicich – Stefano Scherini – Fabrizio Ferracane – Giordano De Plano – Luciano Curreli – Aglaia Mora – Giorgio Carminati – Achille Brugnini Anno: 2016 Durata: 93 Min Paese: Italia Distribuzione: Hirafilm – Il Monello Film
"Senza lasciare traccia" opera prima di Gianclaudio Cappai con Michele Riondino Un uomo e la sua memoria, un uomo e la sua ossessione, un uomo e la sua malattia. Un trittico inscindibile che Bruno (Michele Riondino), protagonista di "Senza lasciare traccia", si trascina addosso come un macigno, come un peso indicibile. Che segreto si cela dietro alle sue cicatrici? Cosa c'entra la vecchia fornace col suo doloroso ricordo e col cancro che lo sta divorando da dentro senza lasciare traccia? Bruno è convinto che quella sua rabbia, covata dentro di lui fin da piccolo, si sia trasformata in malattia, in…
Commento Finale - 40%

40%

"Senza lasciare traccia" è un film che lascia interdetti, che non convince fino in fondo, con tanti e troppi non detti, senza quella cattiveria necessaria a un prodotto del genere.

User Rating: 3.8 ( 1 votes)

About Lorenzo Giovenga

Lorenzo Giovenga
Lorenzo Giovenga è un giovane regista italiano. Esordisce nel 2009, insieme al collega e amico Giuliano Giacomelli, col lungometraggio horror “La Progenie del Diavolo“. Insieme, sempre nel 2009, firmano anche i cortometraggi “Pianto Rosso” e “Voce dall’Inferno“. Nel 2011 fonda insieme a Giuliano Giacomelli e Lucio Zannella la Rec-Volution Lab.

Guarda anche

falchi-recensione-film-copertina

Falchi – Recensione – Un Film di Toni D’Angelo

Falchi, il nuovo film diretto da Toni D’Angelo, debutta nelle sale il 2 Marzo distribuito …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *