Home / RECENSIONI / Drammatico / Rara – Recensione – Un Film di Pepa San Martin

Rara – Recensione – Un Film di Pepa San Martin

“Rara”: Arriva dal Cile sbarcando nelle sale italiane il prossimo 13 Ottobre il primo lungometraggio di Pepa San Martin già vincitore di numerosi premi. Un film “lupo, travestito da pecora” che pone l’attenzione sui diritti delle Famiglie Arcobaleno filtrando il tutto attraverso lo sguardo di un’adolescente, alle prese con le difficoltà della crescita. 

Sara è un’adolescente alle prese con le prime gioie e dolori della crescita: impara a relazionarsi con i compagni di scuola, le amiche, i primi amori, gli adulti, la madre e il padre, ritrovandosi all’interno di una controversia legale per la sua custodia e per quella di sua sorella minore, Cata. L’unica cosa che differenzia Sara è che il padre Victor vuole portarla via dalla sua famiglia arcobaleno, composta dalla madre e dalla compagna Lia.

american-pastoral-rara-2015-recensione-film-testa

Pepa San Martin, regista cilena al suo primo lungometraggio, sceglie di partire da una storia vera – rielaborata insieme alla regista Alicia Scherson – per realizzare Rara, esordio che ha già vinto il premio come Miglior Film nella sezione Generation Kplus a Berlino 66, oltre al Festival di San Sebastian 2016 e presentato con successo durante la scorsa edizione del Giffoni; un film che lei stessa definisce come “un lupo travestito da pecora”, perché sceglie la via della narrazione per famiglie pur di porre l’attenzione su una delicata questione sociale e politica.

Abbiamo incontrato la regista Pepa San Martin

In un Cile ancora alla ricerca di una propria, definita, identità svincolata dagli orrori del passato dittatoriale di Pinochet, le difficoltà di due madri pronte a tutto pur di non cedere la custodia delle figlie al padre biologico, con le bambine nell’occhio della tempesta sommerse da problemi più grandi di loro, danno forma a quell’infido nemico  che si insinua spesso all’interno della comunità LGBT: l’omofobia interiorizzata, frutto della repressione, che dopo anni esplode con violenza impedendo di manifestare un affatto genuino nel tessuto sociale.

american-pastoral-rara-2015-recensione-film-centro

In Rara, la scelta della San Martin di raccontare la vicenda senza mai perdere la focalizzazione incentrata sul punto di vista della piccola Sara si rivela vincente: invece di utilizzare un registro impegnato e un piglio decisamente militante la regista sceglie di orchestrare la sinfonia visiva con un tocco delicato, intimista, cercando di dare risalto alla cronaca delle piccole cose, ai paesaggi, ai volti quanto ai silenzi. Volontariamente viene evitata una fotografia folkloristica, tipica degli scenari caldi del Sudamerica, preferendo invece una messinscena dal respiro più internazionale, in grado di comunicare a tutti la piccola, grande, storia di una famiglia pronta a lottare pur di ottenere i propri diritti in un mondo pronto ad ostracizzarla, escludendola. Da qui il titolo Rara, come a voler sottolineare una “rarità”, una condizione particolare interiorizzata soprattutto da Sara che teme il rifiuto della società, dei suoi amici, dei suoi compagni di scuola innescando così un’assurda spirale di amarezze, dolori, discriminazioni e pregiudizi;  ma prima ancora di tutto questo, il film è – in definitiva – una storia d’amore e d’innocenza narrata attraverso uno stile asciutto, adatto ad immortalare le contraddizioni del reale.

Regia: Pepa San Martín Con: Julia Lübbert, Sigrid Alegría, Coca Guazzini, Mariana Loyola Anno: 2015 Durata: 90 Min Paese: Cile/Argentina Distribuzione: Nomad Film Distribution
"Rara": Arriva dal Cile sbarcando nelle sale italiane il prossimo 13 Ottobre il primo lungometraggio di Pepa San Martin già vincitore di numerosi premi. Un film "lupo, travestito da pecora" che pone l'attenzione sui diritti delle Famiglie Arcobaleno filtrando il tutto attraverso lo sguardo di un'adolescente, alle prese con le difficoltà della crescita.  Sara è un’adolescente alle prese con le prime gioie e dolori della crescita: impara a relazionarsi con i compagni di scuola, le amiche, i primi amori, gli adulti, la madre e il padre, ritrovandosi all’interno di una controversia legale per la sua custodia e per quella di sua…
Commento Finale - 70%

70%

In un Cile ancora alla ricerca di una propria identità, le difficoltà di due madri pronte a tutto pur di non cedere la custodia delle figlie al padre biologico, danno forma a quell’infido nemico che si insinua spesso all’interno della comunità LGBT: l’omofobia interiorizzata, frutto della repressione. In Rara, la scelta della San Martin di raccontare la vicenda senza mai perdere la focalizzazione incentrata sul punto di vista della piccola Sara si rivela vincente: invece di utilizzare un registro impegnato e un piglio militante orchestra la sinfonia visiva con tocco delicato, intimista, cercando di dare risalto alla cronaca delle piccole cose, ai paesaggi, ai volti quanto ai silenzi, raccontando così una storia d’amore e d’innocenza narrata attraverso uno stile asciutto, adatto ad immortalare le contraddizioni del reale.

User Rating: Be the first one !

About Ludovica Ottaviani

Ludovica Ottaviani
Ex bambina prodigio come Shirley Temple, col tempo si è guastata con la crescita e ha perso i boccoli biondi, sostituiti dall'immancabile pixie/ bob alternativo castano rossiccio. Classe 1991, da più di una decina d’anni si diverte a scrivere e ad imbrattare sudate carte. Si infiltra nel mondo della stampa online nel 2011, cominciando a fare ciò che ama di più: parlare di cinema e assistere ai buffet delle anteprime. Passa senza sosta dal cinema, al teatro, alla narrativa. Logorroica, cinica ed ironica, continuerà a fare danni, almeno finché non si ritirerà su uno sperduto atollo della Florida a pescare aragoste, bere rum e fumare sigari come Hemingway, magari in compagnia di Tom Hiddleston, Michael Fassbender e Jake Gyllenhaal.

Guarda anche

Giffoni-Film Festival-Amy-Adams-copertina

Giffoni Film Festival 2017 – Amy Adams incanta i giurati di Giffoni: “In voi ripongo tutte le mie speranze”

Amy Adams, ospite al Giffoni Film Festival 2017, incanta la giuria e ammutolisce la sala …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *