Home / TV / Serie TV / Quantico 1×13, “Clear”: la recensione
Quantico-1x13-recensione-copertina

Quantico 1×13, “Clear”: la recensione

Della puntata precedente di Quantico avevamo sottolineato quanto essa fosse interlocutoria e servisse a introdurre i nuovi personaggi. Il finale però ci aveva lasciato a bocca aperta, perché il misterioso attentatore dopo una prima parte in cui era rimasto completamente nell’ombra lentamente comincia a farsi sentire e a svelare le sue mosse.

In quest’episodio invece predomina l’azione. Alex per aiutare Natalie accetta di infiltrarsi nella sede dell’FBI per rubare dei file riservati sugli agenti. Le due però non intendono collaborare con il terrorista e nascondono un worm nei file per poterli rintracciare. L’ignoto personaggio però è sempre un passo avanti e tende loro una trappola mortale, che con molta probabilità costa la vita di Natalie. Riappare inoltre Ryan e all’inizio tra lui e Alex ci saranno parecchie ostilità ma è proprio l’agente Booth che la protagonista cerca nel finale dopo la avvenuta tragedia .

Nel passato invece conosciamo meglio i nuovi personaggi: Drew rivela ad Alex i motivi per cui ha deciso di entrare all’FBI, e tra i due si palesa una particolare affinità; Iris invece aiuta Shelby con la questione della finta sorella, dandole l’opportunità di entrare in contatto con alcuni informatori in Croazia, sebbene tra le due ci fosse tutt’altro che simpatia. Infine Will è quello che sembra nascondere più di tutti, infatti si trova a Quantico probabilmente per cercare qualcuno…ma ancora non è chiaro chi stia cercando e perché.

Ancora una volta insomma Quantico si rivela pieno di sorprese, e vuole esattamente farci sospettare di tutti. Non riusciamo a fidarci di nessuno ma allo stesso tempo non possiamo evitare di affezionarci ad alcuni personaggi, continuando a ripeterci (e a pregare) che non sono loro i possibili sospettati. Nonostante ciò, va detto che i produttori dovranno impegnarsi di più per mantenere il grande pubblico che lo show ha raccolto, perché questa seconda parte non sembra essersi avviata del tutto, non risulta pienamente convincente. Non potranno fare leva unicamente sulla curiosità di conoscere chi è il misterioso attentatore, trasformando lo show in una copia poliziesca e intricata di Pretty Little Liars o Gossip Girl, bensì ci vorrà qualcosa di più per dare uno sprint nuovo allo show.

About Edoardo Fasano

Edoardo Fasano
Studente di matematica e appassionato di serie tv. Continua a sperare che i suoi personaggi preferiti non muoiano, invano. Ascolta un po' di tutto, vede un po' di tutto.

Guarda anche

rolling-thunder-revue-recensione-film-copertina

Rolling Thunder Revue: Scorsese torna a raccontare Bob Dylan – Recensione

Dopo “No Direction Home” (2005), Scorsese racconta di nuovo Bob Dylan in un documentario prodotto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.