Home / RECENSIONI / Guerra / Mine – Recensione – Un Film di Fabio Guaglione e Fabio Resinaro

Mine – Recensione – Un Film di Fabio Guaglione e Fabio Resinaro

Continua la buena onda del cinema italiano contemporaneo: stavolta sono Fabio Guaglione e Fabio Resinaro, con il loro Mine, a mostrare come sia una peculiarità tutta italiana “giocare” con i generi, rielaborandoli; anche quando si è alle prese con co-produzioni internazionali.

In un indefinito deserto mediorientale, due soldati americani vagano alla ricerca del villaggio più vicino. Sole a picco, scarsi viveri e la consapevolezza che, di lì a breve, qualcosa di tremendo si abbatterà su di loro. Questo “indefinito” qualcosa prende corpo quando entrambi finiscono su due mine anti – uomo: uno dei due, Tommy Madison, perde le gambe e si uccide sparandosi un colpo di pistola; l’altro, Mike Stevens, rimane fermo senza spostare mai il peso del suo corpo, in attesa dei soccorsi – che giungeranno dopo giorni – lottando da solo contro le avversità della natura, gli animali selvatici, le tempeste di sabbia, i propri demoni interiori e la paura di non rientrare in quel fortuito 7% che potrebbe sancire la sua salvezza.

mine-recensione-fabio-guaglione-fabio-resinaro-testa

In un primo momento Mine, la nuova fatica cinematografica degli italiani Fabio Guaglione e Fabio Resinaro, potrebbe sembrare un tradizionale War Movie: due marines, il deserto, la riflessione umana sulla futilità e la crudeltà della guerra sono gli elementi che siamo abituati ad associare a pellicole appartenenti a questo genere. Ma il prodotto audiovisivo realizzato con perizia dalla coppia dei “due Fabio” è, in realtà, un complicato “film nel film”, un intricato gioco di scatole cinesi e rimandi che si “diverte” a passare, con maestria, da un genere all’altro, traghettando la percezione dello spettatore da una dimensione ad un’altra ben diversa e sempre più profonda, determinando in tal modo una progressiva caduta nel Maelstrom nero dell’inconscio e della psiche.

mine-recensione-fabio-guaglione-fabio-resinaro-copertina

Dal War Movie al thriller psicologico; dal survival tipico (l’uomo solo contro le forze della natura) al dramma tratteggiato con pennellate sentimentali: recuperando la struttura delle “fiabe alchemiche” (simili ai romanzi di formazione, sulla scia del Pinocchio di Collodi), Guaglione e Resinaro riconfermano “l’onda verde” del cinema italiano contemporaneo, la propria capacità – unica – di relazionarsi con Il Genere conferendogli nuove sfumature e rielaborandolo, raggiungendo risultati sorprendenti. Anche Mine non sfugge a questa situazione, e si presenta come un prodotto audiovisivo pronto a destabilizzare la percezione dello spettatore, che si ritroverà progressivamente – nel corso dei 106’ – sempre più coinvolto nelle vicende di Mike Stevens (interpretato da Armi Hammer, qui alla prese con un vero e proprio One Man Show) e sempre più identificato con la sua condizione umana, la forza (intrinseca nell’homo sapiens) di sopraffare le condizioni avverse della Natura, nonostante quest’ultime tentino di schiacciarlo con la loro forza dirompente.

Leggi del nostro incontro con i registi del film

Ma a vincere, in Mine, non è la ragione, bensì il cuore: solo affrontando le ombre e i “vuoti” del proprio mondo interiore è possibile “andare avanti”, affrontare un “non –luogo” come il Deserto (dell’animo), farcela e reagire, come si ripete spesso nel film (creando, in tal modo, un leitmotiv esistenziale); solo reagendo c’è forse la speranza di sovvertire le regole non scritte alla base degli scherzi, spesso crudeli, architettati dal Destino.   

Regia: Fabio Guaglione, Fabio Resinaro Con: Armie Hammer, Annabelle Wallis,Tom Cullen, Juliet Aubrey, Geoff Bell, Clint Dyer Anno: 2016 Durata: 106 Min Paese: USA Distribuzione: Eagle Pictures
Continua la buena onda del cinema italiano contemporaneo: stavolta sono Fabio Guaglione e Fabio Resinaro, con il loro Mine, a mostrare come sia una peculiarità tutta italiana "giocare" con i generi, rielaborandoli; anche quando si è alle prese con co-produzioni internazionali. In un indefinito deserto mediorientale, due soldati americani vagano alla ricerca del villaggio più vicino. Sole a picco, scarsi viveri e la consapevolezza che, di lì a breve, qualcosa di tremendo si abbatterà su di loro. Questo “indefinito” qualcosa prende corpo quando entrambi finiscono su due mine anti – uomo: uno dei due, Tommy Madison, perde le gambe e si uccide sparandosi un…
Commento Finale - 80%

80%

In uscita il prossimo 6 Ottobre, Mine - ultima fatica di Fabio Guaglione e Fabio Resinaro - è un un complicato “film nel film”, un intricato gioco di scatole cinesi e rimandi che si “diverte” a passare, con maestria, da un genere all’altro, traghettando la percezione dello spettatore da una dimensione ad un’altra ben diversa e sempre più profonda; dal War Movie al thriller psicologico; dal survival tipico (l’uomo solo contro le forze della natura) al dramma tratteggiato con pennellate sentimentali: a vincere qui non è la ragione, bensì il cuore: solo affrontando le ombre e i “vuoti” del proprio mondo interiore è possibile “andare avanti”, affrontare un “non –luogo” come il Deserto (dell’animo), farcela e reagire; solo reagendo c’è forse la speranza di sovvertire le regole non scritte alla base degli scherzi, spesso crudeli, architettati dal Destino.

User Rating: 4.53 ( 3 votes)

About Ludovica Ottaviani

Ludovica Ottaviani
Ex bambina prodigio come Shirley Temple, col tempo si è guastata con la crescita e ha perso i boccoli biondi, sostituiti dall'immancabile pixie/ bob alternativo castano rossiccio. Classe 1991, da più di una decina d’anni si diverte a scrivere e ad imbrattare sudate carte. Si infiltra nel mondo della stampa online nel 2011, cominciando a fare ciò che ama di più: parlare di cinema e assistere ai buffet delle anteprime. Passa senza sosta dal cinema, al teatro, alla narrativa. Logorroica, cinica ed ironica, continuerà a fare danni, almeno finché non si ritirerà su uno sperduto atollo della Florida a pescare aragoste, bere rum e fumare sigari come Hemingway, magari in compagnia di Tom Hiddleston, Michael Fassbender e Jake Gyllenhaal.

Guarda anche

Doctor-Who-The-Specials-bluray-copertina

Doctor Who – The Specials – Recensione del box in Blu-Ray Disc con gli Speciali della Quarta Stagione

Doctor Who – The Specials: Un intero cofanetto in alta definizione dedicato agli speciali della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *