Home / RECENSIONI / Drammatico / Ma ma – Tutto andrà bene – Recensione – Un Film di Julio Medem

Ma ma – Tutto andrà bene – Recensione – Un Film di Julio Medem

“Ma ma – Tutto andrà bene” di Julio Medem, prodotto ed interpretato da Penelope Cruz, racconta la struggente vicenda di Magda, giovane madre alla quale viene diagnosticato un tumore al seno.  

Una storia d’amore a dir poco tragica è quella tra la protagonista Magda (Penélope Cruz) e Arturo (Luis Tosar), conosciuto per caso proprio nel tragico giorno in cui vede morire la moglie e la figlia. Abbandonata dal marito, Magda troverà conforto e amore in Arturo. Con il suo aiuto riuscirà a rimettere in piedi la sua vita, crescere figlio e affrontare il tragico peggioramento della sua salute.

Ma-ma-tutto-andra-bene-recensione-testa

Ma ma – tutto andrà bene” si avvale di tematiche toccanti e attori eccellenti per portare sullo schermo tutto il dolore, la disperazione e la possibilità di conforto della malattia. Un film ideologicamente affascinante ma privo di intuizioni originali.  Le atmosfere, la fotografia e la regia sono scialbe, senza sale. A partire dalla scelta dei colori, che vanno dal bianco all’azzurrino sbiadito, trasmettono una sensazione, accentuata sicuramente dalla sceneggiatura, di eccessiva delicatezza e di mancato carattere.

Tutto è inerme, eccessivamente drammatico, come se si volesse per forza spingere lo spettatore a piangere. Gli eventi narrati, da toccanti e tragici diventano inverosimili, un susseguirsi di improbabili tragedie che finiscono per stancare. Non c’è ironia, ne distacco dalla narrazione, il film compatisce i suoi personaggi, raccontando le loro storie con eccessiva pietà.

Ma-ma-tutto-andra-bene

Il lavoro di Penelope Cruz è la parte migliore della pellicola, quel tocco di vitalità che altrimenti sarebbe mancato. E’ vivace dall’inizio alla fine, anche nella drammaticità del suo personaggio, infonde energia e colore in un clima altrimenti asettico. La sua performance è  incredibilmente sensibile ed è evidente quanto abbia investito di se stessa in questa  parte. Gli altri interpreti sono discreti, non fanno errori nella recitazione e si riconosce in tutti comunque un certa bravura, tuttavia il modo pesante con il quale si avvicinano ai loro personaggi finisce per stancare e irritare.

Certi aspetti della vicenda sembrano superflui e poco credibili, inseriti unicamente per toccare l’animo dello spettatore e farlo impietosire. Elemento assolutamente inutile è quello della piccola bambina russa, la quale storia non viene approfondita e anzi, la maggior parte delle sequenze che la riguardano risultano praticamente inspiegabili. La regia e il montaggio sono troppo spesso pretenziosi, “alla moda” e si concentrano troppo sull’estetica del dolore, lasciando da parte la loro funzione primaria: raccontare una storia.

Ma-ma-tutto-andra-bene-recensione-fine

“Ma ma – Tutto andrà bene” è una pellicola discreta, ben interpretata ma che esige troppo pathos. Gran parte della trama è superflua e contribuisce a creare un senso di vuoto nello spettatore: troppi tempi morti e scene assolutamente irrilevanti ai fini della trama e inutili esteticamente.

Regia: Julio Medem Con: : Penélope Cruz – Silvia Abascal – Àlex Brendemühl – Elena Carranza – Nicolás De Vicente – Asier Etxeandia – Anna Jiménez – Javier Martos – Anabel Maurín – Miguel Mota – Teo Planell – Mónica Sagrera Anno: 2016 Durata: 111 min. Paese: Spagna – Francia Distribuzione: I Wonder Pictures
"Ma ma - Tutto andrà bene" di Julio Medem, prodotto ed interpretato da Penelope Cruz, racconta la struggente vicenda di Magda, giovane madre alla quale viene diagnosticato un tumore al seno.   Una storia d'amore a dir poco tragica è quella tra la protagonista Magda (Penélope Cruz) e Arturo (Luis Tosar), conosciuto per caso proprio nel tragico giorno in cui vede morire la moglie e la figlia. Abbandonata dal marito, Magda troverà conforto e amore in Arturo. Con il suo aiuto riuscirà a rimettere in piedi la sua vita, crescere figlio e affrontare il tragico peggioramento della sua salute. "Ma ma - tutto…
Commento Finale - 60%

60%

La pellicola tratta temi molto tragici ma li affronta in maniera troppo evidente. Il regista forza la mano sugli aspetti più drammatici della vicenda, aiutato da un'atmosfera scialba e da una pietà ricorrente nei confronti dei suoi personaggi. Illumina la pellicola la performance di Penelope Cruz, la quale ha evidentemente investito molto di se nella parte di Magda.

User Rating: Be the first one !

About Alice De Falco

Innanzitutto è fondamentale dire che prova molto imbarazzo nel descriversi in terza persona, ma cosa non si fa per la gloria. Al mondo da fine 1996, fa le scuole (come tutti) e poi le finisce (come quasi tutti), dicendo addio al liceo scientifico e ciao al magico mondo del cinema. Da grande vuole fare la regista, avere un sacco di soldi e possibilmente sposare Wes Anderson anche se è un po’ brutto.

Guarda anche

manifesto-recensione-film-cover

Manifesto – Rosefeldt porta al cinema la summa dei manifesti artistici più importanti della storia recente

Manifesto: Il film di Julian Rosefeldt con Cate Blanchett  nelle sale per un evento speciale nei …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *