Home / CINEMA / Lo chiamavano Jeeg Robot – Go Nagai incontra Gabriele Mainetti a Tokyo
Lo-Chiamavo-Jeeg-Robot-Go-Nagai-Incontra-Gabriele-Mainetti
Go Nagai - Gabriele Mainetti - Claudio Santamaria a Tokyo - Foto di Pietro Coccia

Lo chiamavano Jeeg Robot – Go Nagai incontra Gabriele Mainetti a Tokyo

Pochi istanti fa al Festival del Cinema Italiano di Tokyo presso la Asahi Hall di Ginza, il regista Gabriele Mainetti e l’attore Claudio Santamaria hanno presentato al pubblico Lo chiamavano Jeeg Robot.

Il film, fresco di un enorme successo ai David di Donatello dove due delle sette statuette sono state ritirate proprio da Mainetti come Miglior regista esordiente e da Santamaria come Miglior attore protagonista, è stato visto da una platea gremita di spettatori giapponesi.

Leggi la nostra recensione del film

Nel pubblico anche un volto molto noto a noi italiani: il Maestro Gō Nagai, fumettista e scrittore giapponese autore della fortunata epopea dei robot che, conMazinga Z, Ufo Robot e ovviamente Jeeg Robot d’acciaio, oltre a intrattenere numerose generazioni di bambini e ragazzi, ha molto ispirato l’immaginario artistico di Gabriele Mainetti.

Guarda Il video del nostro incontro con il cast

Gō Nagai, in occasione di un recente viaggio a Roma, aveva espresso la volontà di vedere il film e la richiesta è stata accolta e subito soddisfatta grazie alla collaborazione di Luce – Cinecittà che insieme all’Asahi Shimbun, colosso editoriale giapponese, l’Ambasciata Italiana e l’Istituto Italiano di Cultura di Tokyo, dal 2001 organizza il Festival di Tokyo, divenuto ormai un evento di riferimento per la produzione italiana contemporanea.

Lo chiamavano Jeeg Robot, con oltre 4 milioni di incasso e 630.000 spettatori in Italia, raggiunti grazie anche alla scelta di tornare nelle sale dopo il trionfo ai David di Donatello, si appresta dunque a conquistare il pubblico di altri territori e il Giappone, che ha dato i natali a Hiroshi Shiba, da oggi è uno di questi.

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

tutto-il-mio-folle-amore-recensione-film-copertina

Tutto il mio folle amore – Padre e figlio attraverso i Balcani nel nuovo film di Salvatores

Esce in sala Tutto il mio folle amore, il nuovo film di Gabriele Salvatores: un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.