Home / RECENSIONI / Commedia / Les Souvenirs – Recensione – Un Film di Jean-Paul Rouve

Les Souvenirs – Recensione – Un Film di Jean-Paul Rouve

Tenero dramedy, racconto intergenerazionale, in Les Souvenirs a farla da padrone è il passato, con i ricordi di una vecchia signora a guidare i destini di una famiglia alla prese con i grandi cambiamenti della vita.

Adattamento cinematografico del romanzo L’eroe quotidiano, grande successo dello scrittore David Foenkinos, che partecipa anche alla sceneggiatura con Rouve, Les Souvenirs porta sullo schermo i drammi di una famiglia normale e il magico rapporto tra una nonna e suo nipote, reso credibile dall’intesa tra Spinosi e la Cordy, facendoci riflettere sull’importanza della memoria e del tempo, e sottolineando che non è mai troppo tardi per trovare la propria strada.

les-souvenirs-recensione-alto

Seguendo tre personaggi di tre diverse generazioni: Romain (Mathieu Spinosi), un ventitreenne senza definite prospettive lavorative e alla ricerca dell’amore, suo padre Michel (Michel Leblanc), incapace di ammettere a se stesso di trovarsi in piena crisi post-pensionamento, e sua nonna Madeleine (Annie Cordy) che, a seguito della morte del marito, ha perso la sua indipendenza ed è in balia delle decisioni dei figli, Jean-Paul Rouve riesce a raccontare lo scorrere del tempo senza indugiare in facili malinconie ma anzi sconfiggendole con la voglia di vivere che scaturisce dalla ribellione dei protagonisti, tutti, nessuno escluso, decisi a reagire con fiducia ed energia alle difficoltà delle rispettive esistenze.

Rouve riesce a gestire benissimo il cast, ottenendo prestazioni solide per i veterani Blanc e Cordy, e una sorprendente interpretazione di Spinosi che riesce a regalarci una giovane e tenera anima perduta sull’orlo della vita adulta. Tessendo temi come il ricordo e il passare del tempo, la storia progredisce e si evolve senza intoppi, verso una piuttosto prevedibile conclusione.

les-souvenirs-recensione-centro

Sottolineato dai toni agrodolci di una scrittura che neanche nei momenti più drammatici rinuncia al sorriso e alla speranza, Les Souvenirs è un piacevole svago che mescola dolcezza con dark humor. Non è certamente una pellicola incisiva che rimane impressa nella mente per molto tempo, ma nel mescolare la commedia, il dramma e la storia romantica, la rende un semplice e tenero dramedy che fa riflettere e scalda il cuore.

Regia: Jean-Paul Rouve Con: Michel Blanc, Annie Cordy, Mathieu Spinosi, Chantal Lauby, William Lebghil Anno: 2015 Durata: 96′ Min Paese: Francia Distribuzione: Parthénos
Tenero dramedy, racconto intergenerazionale, in Les Souvenirs a farla da padrone è il passato, con i ricordi di una vecchia signora a guidare i destini di una famiglia alla prese con i grandi cambiamenti della vita. Adattamento cinematografico del romanzo L’eroe quotidiano, grande successo dello scrittore David Foenkinos, che partecipa anche alla sceneggiatura con Rouve, Les Souvenirs porta sullo schermo i drammi di una famiglia normale e il magico rapporto tra una nonna e suo nipote, reso credibile dall’intesa tra Spinosi e la Cordy, facendoci riflettere sull'importanza della memoria e del tempo, e sottolineando che non è mai troppo tardi per trovare…
Commento finale - 65%

65%

Tratto dal romanzo di David Foenkinos L'eroe quotidiano, Les Souvenirs ha proprio nella normalità e nella semplicità il suo punto di forza. Con un ritmo pacato e con estrema delicatezza, Jean-Paul Rouve, affronta il discorso del tempo che passa con tre protagonisti normali e attraverso una commedia agrodolce e intergenerazionale che racconta della vita di tutti i giorni.

User Rating: Be the first one !

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

una-settimana-e-un-giorno-recensione-copertina

Una settimana e un giorno – Recensione – Un Film di Asaph Polonsky

Dopo il successo alla Settimana della Critica dello scorso Festival di Cannes, arriva nelle sale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *