Home / RECENSIONI / Drammatico / Laurence Anyways e il desiderio di una donna… – Recensione – Un film di Xavier Dolan

Laurence Anyways e il desiderio di una donna… – Recensione – Un film di Xavier Dolan

Laurence Anyways. Sì, perché comunque vada –  e in ogni caso – un Amore vero sopravvive alla vita stessa e alle sue vicissitudini, diventando più grande di quest’ultima e superando, solo con la sua forza, qualunque tipo di ostacolo o avversità. Che Xavier Dolan, enfant prodige del cinema canadese, volesse comunicare agli spettatori questa personalissima riflessione, fin dal 2012, anno d’uscita del film omonimo?

Laurence_Anyways_recensione_testa

Con molta probabilità, sì. Lontano dal successo patinato e commerciale di pellicole come The Danish Girl, il film di Xavier Dolan si colloca alla perfezione nella poetica da cineasta del giovane Autore, riportando quei tratti unici che contraddistinguono la sua regia e che, invece di renderlo estraneo alle grandi masse, gli permettono col tempo di sdoganarsi sempre di più (basti pensare al successo targato Festival di Cannes 2016 della sua ultima fatica Juste la Fin du Monde e il prossimo film che realizzerà, il primo in lingua inglese), raggiungendo un numero sempre maggiore di spettatori, affascinati dai drammatici intrecci di esistenze al margine, esili proiezioni di vite incomplete che si muovono sulla scena, orchestrate dalla dirompente mano del canadese: in Laurence Anyways l’outsider, il misfit protagonista è – appunto – Laurence Alia, docente di letteratura, innamorato della mercuriale e naif compagna Fred: tutto sembra procedere alla perfezione, vita, lavoro, compleanni. Finché, alla viglia del suo trentacinquesimo compleanno, qualcosa all’interno dell’uomo si spezza. Quel meccanismo che ha, meccanicamente, funzionato per anni adesso si è inceppato. E Laurence capisce che è arrivato, finalmente, il momento di liberare il “vero” Laurence, quel lato femminile che ha nascosto per troppo tempo agli occhi del mondo. Per farlo è pronto a combattere la sua battaglia contro il mondo, ma non a rinunciare all’amore di Fred, l’unica donna che abbia mai amato e che mai amerà.

Laurence_Anyways_recensione_centro

Visionario, poetico, dirompente ed incontenibile: qualunque aggettivo sembra superfluo per descrivere quel curioso, ed unico, pastiche visivo che è un film di Dolan; la sua immaginazione iperattiva e la sua giovane cultura pop si mettono al servizio di una sensibilità arguta, per raccontare con voce lucida, patinata ed anarchica le storie di confine di personaggi che vivono esistenze al bivio, caratteri romantici ed indomiti pronti ad affrontare – titanicamente – un mondo ostile pur di riconfermare il proprio diritto ad essere chiunque desiderino, senza accettare le vacue convenzioni sociali e infrangendo, in tal modo, le regole del gioco imposte dalla Vita stessa.

Laurence_Anyways_recensione_fine

Laurence Anyways, oltre ad essere la storia di una presa di coraggio, è una storia d’Amore atipica: Amor Fou, inarrestabile e travolgente, che può essere raccontato solo attraverso immagini evocative, oniriche e metaforiche (la pioggia di vestiti che tanto ricorda l’esplosione messa in scena da Michelangelo Antonioni in Zabriskie Point). Il mondo conosciuto perde le proprie rigide tradizioni e, in modo del tutto punk, abbraccia la voce di Dolan che “racconta” una storia bigger than Life solo attraverso la potenza evocativa delle immagini.

Regia: Xavier Dolan Con: Melvil Poupaud – Nathalie Baye – Yves Jacques – Catherine Bégin – Suzanne Clément – Monia Chokri – Patricia Tulasne – Guylaine Tremblay – Sophie Faucher – Emmanuel Schwartz Anno: 2012 Durata: 159 Min Paese: Canada/Francia Distribuzione: Movies Inspired
Laurence Anyways. Sì, perché comunque vada -  e in ogni caso - un Amore vero sopravvive alla vita stessa e alle sue vicissitudini, diventando più grande di quest’ultima e superando, solo con la sua forza, qualunque tipo di ostacolo o avversità. Che Xavier Dolan, enfant prodige del cinema canadese, volesse comunicare agli spettatori questa personalissima riflessione, fin dal 2012, anno d’uscita del film omonimo? Con molta probabilità, sì. Lontano dal successo patinato e commerciale di pellicole come The Danish Girl, il film di Xavier Dolan si colloca alla perfezione nella poetica da cineasta del giovane Autore, riportando quei tratti unici…
Commento Finale - 95%

95%

Laurence Anyways, oltre ad essere la storia di una presa di coraggio, è una storia d’Amore atipica: Amor Fou, inarrestabile e travolgente, che può essere raccontato solo attraverso immagini evocative, oniriche e metaforiche. Il mondo conosciuto perde le proprie rigide tradizioni e, in modo del tutto punk, abbraccia la voce di Dolan che “racconta” una storia “bigger than Life” solo attraverso la potenza evocativa delle immagini.

User Rating: Be the first one !

About Ludovica Ottaviani

Ludovica Ottaviani
Ex bambina prodigio come Shirley Temple, col tempo si è guastata con la crescita e ha perso i boccoli biondi, sostituiti dall'immancabile pixie/ bob alternativo castano rossiccio. Classe 1991, da più di una decina d’anni si diverte a scrivere e ad imbrattare sudate carte. Si infiltra nel mondo della stampa online nel 2011, cominciando a fare ciò che ama di più: parlare di cinema e assistere ai buffet delle anteprime. Passa senza sosta dal cinema, al teatro, alla narrativa. Logorroica, cinica ed ironica, continuerà a fare danni, almeno finché non si ritirerà su uno sperduto atollo della Florida a pescare aragoste, bere rum e fumare sigari come Hemingway, magari in compagnia di Tom Hiddleston, Michael Fassbender e Jake Gyllenhaal.

Guarda anche

che-dio-ci-perdoni-recensione-bluray-copertina

Che Dio ci perdoni, recensione del Blu-Ray Disc del film di Rodrigo Sorogoyen

Che Dio ci perdoni: Grazie alla Movies Inspired e alla distribuzione di Eagle Pictures, arriva finalmente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *