Home / RECENSIONI / Guerra / Land of Mine – Sotto la sabbia – Recensione – Un film di Martin Zandvliet

Land of Mine – Sotto la sabbia – Recensione – Un film di Martin Zandvliet

Una delle pagine più nere della storia danese arriva al cinema con “Land of Mine – Sotto la sabbia”

Ambientato in Danimarca alla fine del Secondo Conflitto Mondiale, il film di Martin Zandvliet racconta la storia di giovani prigionieri di guerra tedeschi, inviati sulle coste danesi per rimuovere le mine precedentemente insabbiate dall’esercito teutonico. Trattato poveramente da ogni libro di storia, “Land of Mine ricostruisce con dedizione e senza paura un massacro silenzioso di giovani esseri umani costretti, il più delle volte a mani nude e senza precauzioni di nessun genere, a sminare circa  2.000.000 di cariche esplosive.

Land-of-Mine-Sotto-la-sabbia-recensione-centro

Una punizione impietosa per dei ragazzi, spesso anche minorenni, giunti sul campo di battaglia quasi per caso, che volevano solo tornare a casa.  Si ritiene che più di 2.000 soldati tedeschi siano stati costretti a rimuovere gli ordigni, e quasi la metà di loro abbiano perso la vita o degli arti.

Land-of-Mine-Sotto-la-sabbia-recensione-alto

Caratterizzato da un ritmo narrativo efficace, che si ritaglia i giusti tempi di riflessione, “Land of Mine” racconta il desiderio di vendetta del popolo danese, come quello di speranza di giovani mandati a morire, con la giusta cura sugli aspetti emotivi, ricostruendo un racconto fatto di odio e brutale rivalsa quanto di amore e riconciliazione. Ricco di momenti di pathos e contraddistinto da un’ottimo utilizzo degli spazi ed effetti visivi, l’ultima fatica di Zandvliet, regista danese assolutamente da riscoprire, espone gli errori dell’uomo prima ancora di quelli della guerra senza tralasciare gli aspetti che ci rendono fragili o capaci di comprendere l’importanza del perdono.  Una bomba emotiva pronta ad esplodere.

Regia: Martin Zandvliet Con: Roland Møller – Mikkel Boe Følsgaard – Laura Bro – Louis Hofmann – Joel Basman – Oskar Bökelmann – Emil Belton – Oskar Belton – Leon Seidel – Karl Alexander Seidel Anno: 2015 Durata: 100 Min Paese: Danimarca – Germania Distribuzione: Notorious Pictures
Una delle pagine più nere della storia danese arriva al cinema con "Land of Mine - Sotto la sabbia" Ambientato in Danimarca alla fine del Secondo Conflitto Mondiale, il film di Martin Zandvliet racconta la storia di giovani prigionieri di guerra tedeschi, inviati sulle coste danesi per rimuovere le mine precedentemente insabbiate dall'esercito teutonico. Trattato poveramente da ogni libro di storia, "Land of Mine" ricostruisce con dedizione e senza paura un massacro silenzioso di giovani esseri umani costretti, il più delle volte a mani nude e senza precauzioni di nessun genere, a sminare circa  2.000.000 di cariche esplosive. Una punizione impietosa per dei ragazzi, spesso…
Commento Finale - 80%

80%

Una delle pagine più tristi e poco conosciute della storia danese è ora al cinema dopo aver conquistato e spiazzato la critica e il pubblico allo scorso Festival di Roma. Un film amaro ed emozionante sui drammi della seconda guerra mondiale a cavallo di sentimenti universali come il desiderio vendetta, la speranza e l'umanità.

User Rating: Be the first one !

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

black-butterfly-recensione-copertina

Black Butterfly – Recensione – Un Film di Brian Goodman

Antonio Banderas montanaro, Jonathan Rhys Meyers hobo misterioso: succede in Black Butterfly, thriller diretto da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *