Home / RECENSIONI / Commedia / La Pazza Gioia – Recensione – Un Film di Paolo Virzì

La Pazza Gioia – Recensione – Un Film di Paolo Virzì

Paolo Virzì, dopo la soddisfacente esperienza dell’atipico noir Il Capitale Umano, torna alla regia e stavolta nel genere che gli è più congeniale: la commedia. Ma decide di mettere la sua vis comica al servizio di una trama atipica, sospesa tra la riflessione amara sull’esistenza e la malattia mentale, realizzando un film come La Pazza Gioia, selezionato per la Quinzaine del nuovo Festival di Cannes.

Le protagoniste di questa atipica commedia road movie sono due donne, distanti e distinte in quanto tipi umani: Beatrice Morandini Valdirana (Valeria Bruni Tedeschi) e Donatella Morelli (Micaela Ramazzotti); la prima – contessa eccessiva, chiacchierona ed istrionica – è la proprietaria della villa che ospita una comunità terapeutica per donne con disturbi mentali (e dove è stata internata anche lei, affetta da schizofrenia e grave depressione); la seconda, invece, arriva all’improvviso nella comunità rompendo gli equilibri, con i suoi silenzi e con la sua presenza misteriosa. Giovane, schiva e ferina, conserva un dolore antico che non vuole rivelare e che aggrava le sue condizioni psico-fisiche. Le due donne si incontrano e provano un’istintiva necessità che le spinge ad avere bisogno l’una dell’altra per poter cercare una via di fuga lontano dalla villa, alla ricerca di un po’ di felicità via da quel manicomio a cielo aperto che è il mondo dei sani.

la-pazza-gioia-2016-recensione-testa

Con i toni della commedia amara, Virzì parte da un’idea atipica sviluppandola con creatività e riuscendo a “scardinare” qualunque tipo di pregiudizio: si parla di malattia mentale, ma non si trascende nel pietismo o nel sentimentalismo; uno spirito vitalistico selvaggio muove le due protagoniste che non cercano altro se non uno spiraglio di vita della quale riappropriarsi; nonostante le similitudini e i rimandi evidenti con un cult come Thelma e Louise di Ridley Scott, la narrazione si distacca dal semplice racconto di viaggio (mantenendo solo alcuni dei punti fermi del genere) rielaborandolo in chiave del tutto personale.

la-pazza-gioia-2016-recensione-centro

La regia intima, tipica delle opere di Virzì, segue con sguardo indiscreto le avventure tragicomiche e picaresche di Donatella e Beatrice, donne sole che hanno bisogno l’una dell’altra per sopravvivere insieme schivando le crudeltà del mondo esterno. La malattia non è uno status o una condizione psichica, ma un “danno collaterale” causato dai dolori – e dalle situazioni – che la vita pone lungo il cammino delle persone. Nonostante l’impianto della sceneggiatura non troppo stabile e inattaccabile (i 116 minuti del film si dipanano, piuttosto, come una macro- idea ben sviluppata, ma carente di plot – point significativi e colpi di scena) La Pazza Gioia regala uno sguardo unico, personale ed intimo su uno spaccato umano prevalentemente sconosciuto ai più, capace oltretutto di regalare due ritratti femminili inediti e profondi, difficili da trovare nel panorama cinematografico odierno.

Leggi del nostro incontro con il regista e il cast

Regia: Paolo Virzì Con: Valeria Bruni Tedeschi – Micaela Ramazzotti – Valentina Carnelutti – Tommaso Ragno – Anna Galiena – Bob Messini – Bobo Rondelli – Sergio Albelli – Marisa Borini – Marco Messeri Anno: 2016 Durata: 116 Minu Paese: Italia Distribuzione: 01 Distribution
Paolo Virzì, dopo la soddisfacente esperienza dell’atipico noir Il Capitale Umano, torna alla regia e stavolta nel genere che gli è più congeniale: la commedia. Ma decide di mettere la sua vis comica al servizio di una trama atipica, sospesa tra la riflessione amara sull’esistenza e la malattia mentale, realizzando un film come La Pazza Gioia, selezionato per la Quinzaine del nuovo Festival di Cannes. Le protagoniste di questa atipica commedia road movie sono due donne, distanti e distinte in quanto tipi umani: Beatrice Morandini Valdirana (Valeria Bruni Tedeschi) e Donatella Morelli (Micaela Ramazzotti); la prima – contessa eccessiva, chiacchierona…
Commento Finale - 85%

85%

La Pazza Gioia

La regia intima, tipica delle opere di Paolo Virzì, segue con sguardo indiscreto le avventure tragicomiche e picaresche di Donatella e Beatrice, donne sole che hanno bisogno l’una dell’altra per sopravvivere insieme schivando le crudeltà del mondo esterno. Nonostante l’impianto della sceneggiatura non troppo stabile e inattaccabile (i 116 minuti del film si dipanano, piuttosto, come una macro- idea ben sviluppata, ma carente di plot – point significativi e colpi di scena) La Pazza Gioia regala uno sguardo unico, personale ed intimo su uno spaccato umano prevalentemente sconosciuto ai più, capace oltretutto di regalare due ritratti femminili inediti e profondi.

User Rating: 0.3 ( 1 votes)

About Ludovica Ottaviani

Ludovica Ottaviani
Ex bambina prodigio come Shirley Temple, col tempo si è guastata con la crescita e ha perso i boccoli biondi, sostituiti dall'immancabile pixie/ bob alternativo castano rossiccio. Classe 1991, da più di una decina d’anni si diverte a scrivere e ad imbrattare sudate carte. Si infiltra nel mondo della stampa online nel 2011, cominciando a fare ciò che ama di più: parlare di cinema e assistere ai buffet delle anteprime. Passa senza sosta dal cinema, al teatro, alla narrativa. Logorroica, cinica ed ironica, continuerà a fare danni, almeno finché non si ritirerà su uno sperduto atollo della Florida a pescare aragoste, bere rum e fumare sigari come Hemingway, magari in compagnia di Tom Hiddleston, Michael Fassbender e Jake Gyllenhaal.

Guarda anche

Cinetel-Box-Office-copertina

Cinema in Crescita: presentati a Roma i Dati Box Office Cinetel dell’anno 2016

A Roma i presidenti di ANICA, ANEC e ANEM hanno presentato i dati CINETEL sul …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *