Home / RECENSIONI / Drammatico / La Foresta dei Sogni – Recensione – Un Film di Gus Van Sant

La Foresta dei Sogni – Recensione – Un Film di Gus Van Sant

Uscirà nelle nostre sale il 28 Aprile La Foresta dei Sogni, pellicola del regista Gus Van Sant, con un cast stellare, Matthew McConaughery e Naomi Watts su tutti, che ha già avuto un discreto successo ai botteghini statunitensi ed ha ricevuto una candidatura alla “Palma d’oro” in occasione del Festival di Cannes 2015.

Un uomo qualunque, un uomo medio Arthur Brennan (Matthew McConaughey), intraprende in solitudine un viaggio in un luogo silenzioso e magico all’altro capo del mondo, in Giappone, nella foresta fitta e misteriosa di Aokigahara, nota come “la foresta dei sogni”, situata alle pendici del Monte Fuji. Attraverso l’incontro con Takumi (Ken Watanabe), un uomo anch’esso smarrito, Arthur proverà a risalire dagli inferi in cui è caduto per tornare alla luce della sua esistenza.

La-foresta-dei-sogni-recensione-alto

Il viaggio in Giappone palesemente si mostra come un viaggio interiore cercato dal protagonista Arthur per affrontare i demoni creati dai sensi di colpa. La sceneggiatura, creata e sviluppata su due piani temporali differenti, dissemina di indizi e di flashback, volti a spiegare il matrimonio di Arthur con sua moglie Joan (Naomi Watts), l’intera storia che sembra quasi non essere reale. E’ come se il protagonista stesse vivendo un sogno. Onirico ed evocativo appare il paesaggio, una “selva oscura”, un luogo bellissimo che ha fino ad ora ricevuto poche attenzioni sullo schermo, che simboleggia la perdizione. Così come onirica e mistica appare la figura di Takumi che “traghetterà” il nostro protagonista verso l’uscita.

Il cinema di Van Sant indaga l’uomo nelle sue fragilità, si concentra sulle camminate disorientanti e disorientate nella natura potente. Il regista prova a giocare sul tema della vita partendo da un pretesto di suicido, per affermare fortemente la voglia di vivere del protagonista. Non c’è solo la morte. Se qualcuno parte per Aokigahara e poi riconsidera la sua decisione di fine, bloccato in un luogo di morte, significa che c’è un’affermazione della vita. Un purgatorio che salva alcuni e condanna altri. Una vita rivalutata che infonde fiducia in mezzo ai fantasmi che fanno perdere la strada.

La-foresta-dei-sogni-recensione-centro

Man mano che i sensi di colpa e i rimpianti del protagonista si svelano, La Foresta dei Sogni sembra perdere l’alone mistico che lo aveva sorretto, consegnandoci una storia d’amore drammatica (motivo per cui McConaughery si trova nella foresta). Il film fa, comunque, il suo dovere, crea spettacolo e invita alla riflessione con tanto di lacrimuccia. Un inno intenso e sofferto alla vita, alla vita nel senso più alto. Una sceneggiatura poetica che celebra la salvezza attraverso l’annientamento, il ritrovamento di sé dopo il disorientamento.

Regia: Gus Van Sant Con: Matthew McConaughey, Naomi Watts, Jordan Gavaris, Ken Watanabe, Katie Aselton Anno: 2015 Durata: 110′ Min Paese: USA Distribuzione: Lucky Red
Uscirà nelle nostre sale il 28 Aprile La Foresta dei Sogni, pellicola del regista Gus Van Sant, con un cast stellare, Matthew McConaughery e Naomi Watts su tutti, che ha già avuto un discreto successo ai botteghini statunitensi ed ha ricevuto una candidatura alla “Palma d’oro” in occasione del Festival di Cannes 2015. Un uomo qualunque, un uomo medio Arthur Brennan (Matthew McConaughey), intraprende in solitudine un viaggio in un luogo silenzioso e magico all'altro capo del mondo, in Giappone, nella foresta fitta e misteriosa di Aokigahara, nota come “la foresta dei sogni”, situata alle pendici del Monte Fuji. Attraverso l’incontro con Takumi (Ken Watanabe), un…
Commento finale - 65%

65%

Narrato su due piani temporali differenti, La foresta dei sogni è un viaggio interiore di catarsi, un percorso che McConaughery compie per risalire dagli inferi in cui è caduto verso la luce della salvezza. Interessante e misteriosa appare la parte iniziale del film disseminata di tanti piccolo indizi volti alla comprensione della storia, che finisce, però, per rivelarsi il solito dramma familiare all'americana.

User Rating: Be the first one !

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

Demolition-recensione-bluray-copertina

Demolition – Amare e vivere – Recensione del film in Blu-Ray Disc diretto da Jean-Marc Vallée e con Jake Gyllenhaal

Demolition: Jean-Marc Vallée, l’apprezzato regista di Dallas Buyers Club, torna in home video con il distruttivo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *