Home / RECENSIONI / Animazione / Kubo e la Spada Magica – Recensione – Un film di Travis Knight

Kubo e la Spada Magica – Recensione – Un film di Travis Knight

“Kubo e la Spada Magica”, il nuovo capolavoro dello Studio Laika dedicato alla mitologia giapponese.

Kubo è un piccolo cantastorie che racconta avventure fantastiche, attraverso l’utilizzo di origami incantati, ai cittadini di un paese in riva al mare. Figlio del leggendario Hanzo, samurai prematuramente scomparso, Kubo vive con sua madre all’interno di una grotta in cui trova riparo dagli spiriti maligni di suo nonno e delle sue zie che gli danno la caccia durante la notte. Quando accidentalmente resta all’esterno al calar delle tenebre, il nostro piccolo eroe viene raggiunto dei suoi cacciatori ma fortunatamente riesce a fuggire grazie al sacrificio di sua madre. Costretto alla fuga si unisce ai misteriosi Monkey e Beetle alla ricerca di una leggendaria armatura. Con il suo magico strumento, lo shamisen, Kubo inizierà un’avventura indimenticabile.

kubo-e-la-spada-magica-recensione-centrob

Diretto da Travis Knight, al suo esordio alla direzione di un lungometraggio cinematografico, “Kubo e la Spada Magica” è l’ennesima conferma della straordinaria capacità dello Studio Laika di realizzare dei veri e propri capolavori visivi. Unici nel legare sapientemente l’animazione in Stop Motion, tecnica di animazione che si effettua attraverso scatti fotografici passo dopo passo, e la CGI per gli effetti speciali, ci immergono nel leggendario Giappone antico attraverso una minuziosa ricostruzione che attinge a piene mani dalla mitologia e dalla simbologia asiatica.

kubo-e-la-spada-magica-recensione-centro

Chiaramente ispirato all’animazione giapponese, ricorda per molti aspetti classici come “Sasuke – Il piccolo Ninja“, “L’invincibile Ninja Kamui” e “La spada dei Kamui“, questo nuovo gioiello dell’animazione cinematografica ci presenta una narrazione lineare ricca di scene d’azione, in cui i temi dell’amore, la famiglia e il lascito delle persone care si muovono all’interno dell’epoca feudale giapponese. Un’avventura di formazione universale in cui la ricerca di tre elementi destinati alla salvezza del protagonista diventano gli strumenti fondamentali per affrontare il peso della perdita e la lotta contro i propri nemici. Un viaggio ricco d’imprevisti e colpi di scena utili per creare un rapporto sereno con se stessi e con il proprio passato. 

kubo-e-la-spada-magica-recensione-centroa

Ancora una volta la produzione di Laika attinge all’immaginario fantastico per affrontare temi maturi e offrire un prodotto adulto non disprezzabile da nessun tipo di spettatore. “Kubo e la Spada Magica” è la prova di maturità di artisti incredibili che, grazie al loro talento e alla loro tecnica, realizzano delle vere e proprie opere d’arte. Dall’aspetto visivo a quello sonoro ogni parte del film è stato curato in modo maniacale per rendere il più reale possibile l’atmosfera orientale, peccato solo per la scelta di non utilizzare per il doppiaggio originale la lingua giapponese. Ogni piccolo dettaglio profuma d’oriente in cui l’arte si lega alla riflessione. 

Sebbene sia un film d’avventura, “Kubo e la Spada Magica” dà il meglio di se nella ricerca dei dialoghi e nella sua voglia di aggrapparsi con tutto se stesso alla metafora del cantastorie alla ricerca di un finale per la propria.  Un film singolare per il mondo dell’animazione cinematografica che invece di puntare lo sguardo sull’importanza dei sogni guarda dritto al valore dei ricordi.

kubo-e-la-spada-magica-recensione-fine

Visivamente straripante, “Kubo e la spada Magica” conquista e trasmette emozioni grazie all’utilizzo di scene d’azione pregevoli e dialoghi semplici quanto potenti. Un viaggio magico per tutte l’età che riconosce il passato come forma di ispirazione per il proprio futuro. Speriamo sia di monito anche per l’Academy ai prossimi Oscar. Meraviglioso.

Regia: Travis Knight Con: Rooney Mara, Charlize Theron, Matthew McConaughey, Ralph Fiennes Anno: 2016 Durata: 101 Min Paese: USA Distribuzione: Universal Pictures
"Kubo e la Spada Magica", il nuovo capolavoro dello Studio Laika dedicato alla mitologia giapponese. Kubo è un piccolo cantastorie che racconta avventure fantastiche, attraverso l'utilizzo di origami incantati, ai cittadini di un paese in riva al mare. Figlio del leggendario Hanzo, samurai prematuramente scomparso, Kubo vive con sua madre all'interno di una grotta in cui trova riparo dagli spiriti maligni di suo nonno e delle sue zie che gli danno la caccia durante la notte. Quando accidentalmente resta all'esterno al calar delle tenebre, il nostro piccolo eroe viene raggiunto dei suoi cacciatori ma fortunatamente riesce a fuggire grazie al sacrificio di sua madre. Costretto…
Commento Finale - 85%

85%

Chiaramente ispirato all'animazione giapponese questo nuovo gioiello dello Studio Laika ci presenta una narrazione lineare ricca di scene d'azione, in cui i temi dell'amore, la famiglia e il lascito delle persone care si muovono all'interno dell'epoca feudale giapponese. Dall'aspetto visivo a quello sonoro ogni parte del film è stato curato in modo maniacale per rendere il più reale possibile l'atmosfera orientale. Un film singolare per il mondo dell'animazione cinematografica che invece di puntare lo sguardo sull'importanza dei sogni guarda dritto al valore dei ricordi. Un viaggio magico per tutte l'età che riconosce il passato come forma di ispirazione per il proprio futuro.

User Rating: Be the first one !

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

Fast-and-Furious-8-recensione-film-copertina

Fast and Furious 8 – Recensione – Un Film di F. Gary Gray

Fast and Furious 8: La famiglia allargata di Dominic Toretto torna al cinema con l’ottavo capitolo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *