Home / RECENSIONI / Commedia / Kiki e i segreti del sesso – Recensione – Un Film di Paco León

Kiki e i segreti del sesso – Recensione – Un Film di Paco León

Il remake di “The Little Death“, “Kiki e i segreti del sesso” diretto da Paco León, arriva cinema dal 23 giugno 2016 distribuito da Videa. Cinque diverse storie d’amore e cinque diverse fantasie sessuali, una commedia leggera e divertente dove scoprire le -filie che caratterizzano i personaggi.

Una donna si eccita nel vedere il partner piangere, una si eccita toccando soffici tessuti, un’altra ancora raggiunge l’orgasmo quando viene derubata e un uomo desidera la moglie solo quando dorme. Sono solo quattro delle cinque bizzarre fantasie sessuali che vengono raccontate in “Kiki e i segreti del sesso”. Attraverso cinque trame parallele seguiamo i personaggi nel processo di scoperta dei loro gusti particolari e di come questi vengano accettati dai rispettivi parther.

kiki-e-i-segreti-del-sesso-recensione-centro

Nonostante il tema concettualmente scandaloso, in Kiki e i segreti del sessosi parla di amore, di coppie, di fidanzati, matrimoni e di bambini, senza mai toccare argomenti scabrosi come invece potrebbe far pensare il titolo del film. L’unico vero momento che meno lascia spazio all’immaginazione è la sigla iniziale, nella quale l’accoppiamento umano è messo in parallelo ai movimenti della natura. Il resto della pellicola è semplicemente una commedia romantica, che parla di argomenti come gli strani gusti sessuali dei protagonisti senza spingersi mai oltre il limite.

kiki-e-i-segreti-del-sesso-recensione-fine

Le prime scene dell’opera sono molto divertenti, la presentazione dei personaggi è vivace e simpatica, ma l’umorismo della pellicola sembra si fermi qui. Dopo il primo atto tutte le storie cominciano a diventare troppo simili tra loro, seguendo lo stesso arco evolutivo. Nonostante le -filie sessuali dei personaggi siano molto diverse fra loro, il loro sviluppo nella trama è pressoché identico. La narrazione esaurisce tutti gli elementi di interesse nella prima mezz’ora, diventando sempre più lenta man mano che va avanti, priva di picchi narrativi che tengano l’attenzione dello spettatore.

I difetti di “Kiki e i segreti del sesso” non risiedono nei temi trattati, quanto nel modo in cui vengono messi in scena. Dopo un “round” di presentazione delle cinque diverse storie parallele, la trama si arena.

Nonostante la narrazione sia quindi un po’ fiacca, il film resta una piacevole e leggera commedia che strappa più un sorriso. Privo di scene spinte o volgarità gratuite, “Kiki e i segreti del sesso” è una pellicola accessibile a tutti, senza paura di in inciampare in censure. Come dimostra il finale infatti, si tratta semplicemente di una favola: un racconto convenzionale colorito da qualche particolarità nei comportamenti dei protagonisti. Non c’è imbarazzo o tristezza, solo allegria nell’abbracciare quello che ci rende diversi.

Leggi l’intervista al regista Paco Leon

Regia: Paco León Con: Paco León – Álex García – Ana Katz – Belén Cuesta – Natalia de Molina – Candela Peña – Luis Callejo – Luis Bermejo – Mari Paz Sayago – Alexandra Jiménez – David Mora – Maite Sandoval Anno: 2016 Durata: 102 Min. Paese: Spagna Distribuzione: Videa – CDE
Il remake di "The Little Death", "Kiki e i segreti del sesso" diretto da Paco León, arriva cinema dal 23 giugno 2016 distribuito da Videa. Cinque diverse storie d'amore e cinque diverse fantasie sessuali, una commedia leggera e divertente dove scoprire le -filie che caratterizzano i personaggi. Una donna si eccita nel vedere il partner piangere, una si eccita toccando soffici tessuti, un'altra ancora raggiunge l'orgasmo quando viene derubata e un uomo desidera la moglie solo quando dorme. Sono solo quattro delle cinque bizzarre fantasie sessuali che vengono raccontate in "Kiki e i segreti del sesso". Attraverso cinque trame parallele seguiamo…
Commento Finale - 65%

65%

L'idea di fondo è interessante, anche se non originale, e la prima parte del film regge molto bene, mettendo in scena curiose -filie sessuali, attraverso umorismo e leggerezza. Tuttavia la narrazione è troppo lenta, banale, prolissa e frammentata per saltare oltre l’ostacolo della sufficienza. Per essere una commedia: non annoia ma nemmeno coinvolge lo spettatore. Poteva rivelarsi una pellicola più frizzante e trasgressiva, invece di una favola tradizionale con un pizzico di piccante.

User Rating: Be the first one !

About Alice De Falco

Innanzitutto è fondamentale dire che prova molto imbarazzo nel descriversi in terza persona, ma cosa non si fa per la gloria. Al mondo da fine 1996, fa le scuole (come tutti) e poi le finisce (come quasi tutti), dicendo addio al liceo scientifico e ciao al magico mondo del cinema. Da grande vuole fare la regista, avere un sacco di soldi e possibilmente sposare Wes Anderson anche se è un po’ brutto.

Guarda anche

codice-criminale-recensione-film-copertina

Codice Criminale – Recensione – Un film di Adam Smith

Codice Criminale (Trepass against us): Tratto dalla storia vera di una famiglia di perdigiorno accusata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *