Home / TV / Serie TV / I bastardi di Pizzofalcone – Arrivano su Rai 1, dal 9 gennaio, i poliziotti nati dalla penna di Maurizio de Giovanni

I bastardi di Pizzofalcone – Arrivano su Rai 1, dal 9 gennaio, i poliziotti nati dalla penna di Maurizio de Giovanni

Dal 9 gennaio, in prima serata su Rai 1, arriva l’ispettore Giuseppe Lojacono, interpretato da Alessandro Gassmann, e nato dalla penna di Maurizio de Giovanni. In 6 puntate, per la regia di Carlo Carlei, le vicende, ambientate a Napoli, di un gruppo di poliziotti in cerca di riscatto.

Gli appassionati della squadra di polizia nata dalla penna di Maurizio de Giovanni nella saga I Bastardi di Pizzofalcone, ritrovano sul piccolo schermo le vicende della sgangherata compagine che opera nel napoletano. Su Rai1 dal 9 gennaio arriva l’omonima serie tv in sei puntate prodotta da Clemart Srl in collaborazione con Rai Fiction per la regia di Carlo Carlei. Nel cast, oltre ai protagonisti Alessandro Gassman e Carolina Crescentini, anche Massimiliano Gallo, Tosca d’Aquino, Antonio Folletto, Simona Tabasco, Gennaro Silvestro e Gianfelice Imparato.

i-bastardi-di-pizzofalcone-alto

“Pizzofalcone esiste veramente, è il nome della collina sopra piazza del Plebiscito, nel centro storico di Napoli: è una zona che unisce realtà sociali e ceti diversi, tra nobiltà partenopea e gente dei quartieri spagnoli…” De Giovanni racconta così, la voglia di raccontare pulsioni ed errori umani, tenendosi lontano dalla Napoli troppo spesso stereotipata: quella dei mitra, delle Vele, dei babà e di Mergellina. E aggiunge: “…il commissariato l’ho inventato e collocato in quel luogo, perché tra quei confini invisibili di condizioni differenti emergono contrasti forti che danno luogo a personaggi straordinari.” E’ un commissariato caduto in disgrazia quello di Pizzofalcone. Dopo l’allontanamento di poliziotti corrotti, prima di chiudere ospiterà altri reietti in divisa: un gruppo di uomini e donne allontanati da diversi comandi, non solo partenopei, per motivi tra i più diversi. Tra questi anche l’Ispettore Giuseppe Lojacono mandato via dalla Sicilia per sospetta collusione con la mafia. É l’unione che però fa la forza. Lojacono e la sua squadra avranno modo di riscattarsi e di mostrare all’intero corpo di Polizia la propria innocenza. Alla fine, dalla sua probabile chiusura, il commissariato di Pizzofalcone vivrà una sua nuova primavera fatta di indagini e casi risolti.

Una squadra di anti-eroi, poliziotti normali, che trova però una scintilla e riesce a creare dall’unione quel quid in più per essere vincente: puntata dopo puntata questo quid unirà I bastardi di Pizzofalcone un po’ di più, e ci farà capire che errare è umano, ma lo è anche continuare a vivere dopo un errore, facendoci i conti e imparando senza lasciarci sovrastare. Una storia di redenzione, dunque, anzi di redenzioni, una metafora perfetta per descrivere lo sforzo immane che a volte gli esseri umani onesti devono compiere per scrollarsi di dosso i pregiudizi.

La Napoli degli antichi palazzi aristocratici e delle case modeste, quella di un popolo che fa di tutto per vivere onestamente, faranno da sfondo alle vicende dell’ispettore Lojacono e della sua squadra di poliziotti, che attraverso una grande umanità ed empatia riusciranno a cogliere sfumature e non detti. Da Lunedì 9 Gennaio su Rai1.

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

una storia senza nome 1

Una Storia Senza Nome, recensione del nuovo film di Roberto Andò

Una Storia Senza Nome: Già presentato a Venezia negli scorsi giorni,  il film  segna il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *