Home / RECENSIONI / Kids / Grotto – Recensione – Un Film di Micol Pallucca

Grotto – Recensione – Un Film di Micol Pallucca

Ambientato nell’incredibile scenario delle Grotte di Frasassi, uno dei percorsi sotterranei più grandiosi e affascinanti al mondo, Grotto è il tentativo, vano, di essere una commedia avventurosa che racconta l’incontro tra una misteriosa creatura, abitante delle grotte, e cinque bambini con i loro piccoli, grandi, problemi.

Vincitore del Giffoni Film Festival 2015 nella categoria Elements +6, Grotto, che ha per protagonisti un gruppo di cinque ragazzi preadolescenti, vuole narrare la difficoltà di un bambino nei rapporti di amicizia, tra buoni sentimenti, suspance e risate. Sono presenti tutti i personaggi stereotipati del genere: dal secchione che fa di tutto per essere accettato al bambino mangione e rotondetto, sino ai bulletti e alla ragazzina decisa e coraggiosa che cambia le sorti del gruppo e si innamora del leader di turno.

Grotto-recensione-alto

Scritto con pochissimo brio e girato alla buona, il film dovrebbe avere, visto che da il titolo alla pellicola, come protagonista e come anima della storia, appunto Grotto, una stalagmite vivente dagli occhioni azzurri che abita le profondità della Terra, si muove strisciando e si esprime solo attraverso suoni gutturali. Eppure il simpatico abitante delle Grotte di Frasassi realizzato in CGI, compare davvero poco e diviene soltanto il modo per alleviare la tensione delle sequenze e per ridimensionare i dialoghi, a volte davvero troppo eruditi per ragazzini di quella età.

Strane risultano alcune scelte registiche: ogni forma di azione avviene in fuori campo. Svenimenti, cadute, risse o altri momenti in cui avviene qualcosa non sono inquadrati, al massimo se ne sente il rumore mentre è inquadrato chi lo guarda e poi ne viene mostrato l’esito. Micol Pallucca non riesce nell’intento di mostrarci una vera avventura per ragazzi, ripiegando l’intera storia sui problemi che affliggono i protagonisti e sui presunti cambiamenti che l’incontro con Grotto provocherebbe al gruppo.

Grande protagonista del film è lo splendido e suggestivo scenario. Le maestose Grotte di Frasassi sono il nemico naturale, il carceriere che priva i ragazzi della libertà, e allo stesso tempo l’utero materno che li nutre e li culla fino a che non tornano a vedere la luce.

grotto-recensione-centro

Catalizzatore, osservatore muto delle dinamiche interpersonali dei piccoli protagonisti, con i quali imparare a comunicare diventa fondamentale per la loro sopravvivenza, Grotto è sicuramente un personaggio empatico che risulterà gradevole per un pubblico di giovane età, che troverà divertenti alcune gag molto semplici, ma anche la storia di amicizia che si viene a formare all’interno della grotta.

Regia: Micol Pallucca Con: Christian Roberto, Gabriele Fiore, Iris Caporuscio, Samuele Biscossi, Leonardo Similaro Anno: 2015 Durata: 93′ Min Paese: Italia Distribuzione: Thalia Film, Europictures
Ambientato nell'incredibile scenario delle Grotte di Frasassi, uno dei percorsi sotterranei più grandiosi e affascinanti al mondo, Grotto è il tentativo, vano, di essere una commedia avventurosa che racconta l’incontro tra una misteriosa creatura, abitante delle grotte, e cinque bambini con i loro piccoli, grandi, problemi. Vincitore del Giffoni Film Festival 2015 nella categoria Elements +6, Grotto, che ha per protagonisti un gruppo di cinque ragazzi preadolescenti, vuole narrare la difficoltà di un bambino nei rapporti di amicizia, tra buoni sentimenti, suspance e risate. Sono presenti tutti i personaggi stereotipati del genere: dal secchione che fa di tutto per essere accettato al bambino…
Commento finale - 50%

50%

Un po mistery, un po fantasy e un po dramedy, Grotto è l'italianissimo tentativo di portare sul grande schermo le avventure di una stalattite vivente dagli occhioni blu che parla solo attraverso suoni gutturali. Peccato che Grotto, che dovrebbe essere il protagonista e anche la parte più interessante del film, sia presente molto poco nell'opera e che sia solo il pretesto per parlare, ancora una volta, dei "problemi" dei cinque ragazzini protagonisti.

User Rating: 4.65 ( 1 votes)

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

il-traduttore-recensione-copertina

Il Traduttore – Recensione – Un Film di Massimo Natale

Per la sua seconda opera cinematografica Massimo Natale sceglie, come regista e produttore, una storia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *