Home / RECENSIONI / Commedia / Ghostbusters (2016) – Recensione – Un film di Paul Feig

Ghostbusters (2016) – Recensione – Un film di Paul Feig

Ghostbusters (2016), la fin troppo bistrattata versione al femminile degli acchiappafantasmi arriva finalmente in sala. Gli darete un’occasione?

Abby Yates (Melissa McCarthy) ed Erin Gilbert (Kristen Wiig) sono una coppia di amiche che dopo la pubblicazione di un libro sui fantasmi hanno deciso di intraprendere strade diverse. Quando nella città di New York, iniziano a verificarsi dei casi spettrali, le due amiche tornano insieme e in compagnia di Jillian Holtzmann (Kate McKinnon) e Patty Tolan (Leslie Jones), formano un tenace gruppo di acchiappafantasmi. Mentre la comunità fatica a credere alle loro teorie sui fantasmi, una nuova minaccia sta per invadere la città.

ghostbusters-2016-recensione-testa

Fin dal suo primo annuncio, il nuovo corso dei “Ghostbusters” si è dovuto scontrare con il disgusto e gli infelici apprezzamenti dei cosiddetti puristi del brand originale. Fan pronti a tutto pur di difendere i propri ricordi d’infanzia. L’infelice idea della produzione americana di rinfrescare il franchise non poteva non turbare le giovani menti degli eletti cresciuti a pane e acchiappafantasmi. L’onta arrecata dai brutti e meschini produttori di Hollywood senza cuore andava lavata anche con il sangue se necessario. Per questo sono state organizzate vere e proprie crociate mediatiche con l’obbiettivo di screditare una pellicola prima ancora della sua distribuzione. Ogni foto, trailer o notizia è stata accolta con disgusto e veleno, ben oltre i limiti di un possibile e prevedibile fiasco. Chi scrive non è mai contrario per partito preso a seguiti o remake, la storia cinematografica ne è piena fin dai suoi arbori. Per questo credo sia sempre doveroso lasciare il beneficio del dubbio. L’originale non ci lascerà mai e anzi questa nuova versione magari permetterà al brand di acquistare nuove generazioni di fan.

Ghostbusters-2016-recensione-centro

Dopo questa doverosa premessa torniamo a noi con l’analisi diretta di questo “Ghostbusters” al femminile. Il regista Paul Feig, salito alla ribalta con il divertente “Le Amiche della Sposa“, continua il suo percorso di rivalutazione del sesso “debole” in ambiente cinematografico attraverso la dissacrante revisione di un cult generazionale. Messe da parte le atmosfere e sopratutto i protagonisti anni ’80, la nuova avventura dei “Ghostbusters” si segnala come una riuscita commedia moderna tutta al femminile, inserita con astuzia e attenzione in un brand di facile presa sul pubblico. Un film che mantiene tuttavia un filo conduttore con il passato grazie alle apparizioni di alcuni attori degli originali: Dan AykroydBill MurraySigourney WeaverErnie Hudson e Annie Potts, protagonisti di irriverenti e azzeccati cameo. Un film intelligentemente citazionista, capace di omaggiare il suo passato attraverso l’utilizzo della risata aggressiva.

Orfano di un fascino che appartiene di diritto all’originale, il “Ghostbusters” di Paul Feig è un inno al girl power, assolutamente riuscito e doveroso che restituisce al gentil sesso delle eroine al femminile finalmente protagoniste indiscusse. Non dei maschiacci alla Ellen Ripley (Alienma delle vere donne con tutti i loro pregi e i difetti del casoImpeccabile e spassoso il personaggio di Kevin Beckman con un’esilarante quanto perfetto Chris Hemsworth nel ruolo del belloccio senza cervello. “Ghostbusters” abbraccia lo spirito dell’originale strizzando l’occhio alle generazioni di oggi, senza dimenticare quelle di ieri, alla ricerca del giusto compromesso tra eredi ed eredità.

ghostbusters-recensione-fine

Ghostbusters ” è il film che oggettivamente non ti aspetti, forse perché eravamo fin troppo preoccupati del possibile scempio. Non originale ma divertente, è un film semplicemente bisognoso di un’occasione. Potrebbe sorprendervi. Buono il 3D ma non indispensabile. 

Regia: Paul Feig. Con: Chris Hemsworth, Kate McKinnon , Kristen Wiig, Leslie Jones, Mark Burzenski , Melissa McCarthy. Anno: 2016 Durata: 108 Min Paese: USA Distribuzione: Warner Bros
Ghostbusters (2016), la fin troppo bistrattata versione al femminile degli acchiappafantasmi arriva finalmente in sala. Gli darete un'occasione? Abby Yates (Melissa McCarthy) ed Erin Gilbert (Kristen Wiig) sono una coppia di amiche che dopo la pubblicazione di un libro sui fantasmi hanno deciso di intraprendere strade diverse. Quando nella città di New York, iniziano a verificarsi dei casi spettrali, le due amiche tornano insieme e in compagnia di Jillian Holtzmann (Kate McKinnon) e Patty Tolan (Leslie Jones), formano un tenace gruppo di acchiappafantasmi. Mentre la comunità fatica a credere alle loro teorie sui fantasmi, una nuova minaccia sta per invadere la città. Fin dal suo primo annuncio, il nuovo…
Commento Finale - 69%

69%

Orfano di un fascino che appartiene di diritto all'originale, il "Ghostbusters" di Paul Feig è un inno al girl power, assolutamente riuscito e doveroso che restituisce al gentil sesso delle eroine al femminile finalmente protagoniste indiscusse. Un film che mantiene tuttavia un filo conduttore con il passato grazie alle apparizioni di alcuni attori degli originali. Non originale ma divertente, è un film semplicemente bisognoso di un'occasione. Potrebbe sorprendervi.

User Rating: Be the first one !

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

sette-Minuti-dopo-la-Mezzanotte-recensione-copertina

Sette Minuti dopo La Mezzanotte – Recensione – Un Film di J. A. Bayona

Tratto dall’omonimo e pluripremiato romanzo di Patrick Ness, anche autore della sceneggiatura, arriva nelle nostre …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *