Home / HOME VIDEO / Lo Chiamavano Jeeg Robot – Recensione del Blu-Ray Disc

Lo Chiamavano Jeeg Robot – Recensione del Blu-Ray Disc

Lo Chiamavano Jeeg Robot, il meraviglioso esordio alla regia di Gabriele Mainetti, arriva finalmente in Home Video dopo il successo di pubblico e il trionfo ai David di Donatello.

Enzo Ceccotti (Claudio Santamaria), ladro di borgata, durante una fuga entra in contatto con una sostanza radioattiva. Il giorno dopo a causa di un incidente scopre di aver acquisito una forza incredibile. Il passaggio da supereroe a supercriminale è breve ed Enzo, accoglie l’arrivo di questo dono come una benedizione per la sua carriera da ladruncolo. Tuttavia i suoi piani cambiano quando incontra Alessia (Ilenia Pastorelli), una bambina intrappolata nel corpo di una donna, convinta che lui sia l’eroe del suo cartone animato preferito: Jeeg Robot. La ragazza, figlia di un pregiudicato, è perseguitata da “Lo Zingaro” (Luca Marinelli), un folle e insolito boss della zona. Il genere supereroistico con i cattivi, gli ostacoli e le difficoltà, si fonde con la commedia, il dramma, il sentimento e la realtà tutta italiana per un’opera davvero ben scritta e ben interpretata. Il supereroe in questione è un ragazzo di borgata qualunque che riesce a tirar fuori, attraverso il superpotere più grande al mondo, l’amore, la sua vera essenza. L’esordio alla regia di Gabriele Mainetti è incredibile, ricco di forza, passione e speranza. Una scommessa vinta contro tutti e tutto. “Lo Chiamavano Jeeg Robot”  lega e fonde  più generi amalgamandoli tra loro grazie alla capacità di restare sempre in perfetto equilibrio. Il film italiano più coraggioso e originale degli ultimi anni.

Lo chiamavano Jeeg Robot_scena

Distribuito da Lucky Red, e Warner Bros. Italia, il blu-ray disc di “Lo Chiamavano Jeeg Robot” arriva sul mercato in edizione amaray con al suo interno anche una cartolina esclusiva del film. Sempre in tema di esclusive vi segnaliamo che sul mercato sono state distribuite altre tre edizioni del film che si differenziano tra loro sopratutto per la copertina: edizione limitata e numerata con autografo del regista in bluray per Amazon.it, Slipcase di cartone argentata con cover dello Zingaro in bluray per Media World e Variant Cover per la versione in DVD per La Feltrinelli. Un modo intelligente e produttivamente economico per celebrare al meglio uno dei film nostrani più belli degli ultimi anni, ora parte della lista di pellicole candidate per rappresentare l’Italia agli Oscar 2017.

Lo-chiamavano-Jeeg-Robot_copertina

Un elegante menu,sebbene statico e un po’ pigro nella risposta ai comandi, in cui predomina il bianco e nero con la figura del protagonista Enzo Ceccotti sullo sfondo e alcune immagini del film che scorrono nel suo cappuccio, accoglie lo spettatore domestico alla visione di “Lo Chiamavano Jeeg Robot“. Il quadro video mostra un’immagine sempre perfettamente definita, che solo nelle scene con l’utilizzo di VFX mostra qualche lieve segno di artificio. Il croma rispetta fedelmente le scelte effettuate in sede di girato, così come la resa generale risulta compatta anche nelle scene più scure.

Sul versante audio troviamo la presenza di un’unica traccia in formato 5.1 DTS HD Master Audio in lingua italiana di ottima qualità. Potente, chiara e cristallina nel riproporre ogni sfumatura sonora della pellicola. Una codifica lossless di grande impatto. Presenti i sottotitoli in italiano per non udenti.

lo chiamavano jeeg robot_scena3

Notevole il reparto dei contenuti speciali, un comparto capace di delineare e approfondire ogni aspetto della produzione della pellicola. Nonostante la cura maniacale, si segnalano due assenze importanti: il commento al film del regista, poteva essere interessante conoscere ogni tipo di sensazione e idea di Mainetti per ogni scena, e il corto “Basette” assente per problemi di copyright.

  • Trailer
  • Backstage (01:01:11) Lunghissimo backstage con dichiarazioni di troupe e cast, diviso in undici capitoli, nel quale vengono analizzati tutti gli aspetti del film dai personaggi alla trama, passando per gli effetti speciali alla colonna sonora.
  • I provini degli attori (19:24) Le prove del Cast principale.
  • Ciak Impaperati (03:36) Papere dal set.
  • Scene tagliate (10:00) Sette scene tagliate o estese.
  • Lo storyboard (08:30) Raffronto della scena allo stadio tra storyboad e montaggio finale.
  • Cortometraggio: Tiger Boy (20:05) Il meraviglioso cortometraggio di Gabriele Mainetti dedicato alla tematica della pedofilia.
  • VideoClip (04:10) Il video della sigla di Jeeg Robot cantata da Claudio Santamaria.

Lo Chiamavano Jeeg Robot, il meraviglioso esordio alla regia di Gabriele Mainetti, arriva finalmente in Home Video dopo il successo di pubblico e il trionfo ai David di Donatello. Enzo Ceccotti (Claudio Santamaria), ladro di borgata, durante una fuga entra in contatto con una sostanza radioattiva. Il giorno dopo a causa di un incidente scopre di aver acquisito una forza incredibile. Il passaggio da supereroe a supercriminale è breve ed Enzo, accoglie l'arrivo di questo dono come una benedizione per la sua carriera da ladruncolo. Tuttavia i suoi piani cambiano quando incontra Alessia (Ilenia Pastorelli), una bambina intrappolata nel corpo di…
Commento Finale - 87%

87%

Ottima edizione per "Lo Chiamavano Jeeg Robot", video e audio di qualità e ricchissimo comparto extra. Presente all'interno anche una cartolina esclusiva del film.

User Rating: 5 ( 1 votes)

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

le-ereditiere-alto

Le Ereditiere, recensione dell’opera prima di Marcelo Martinessi

Premiatissimo a Berlino nel 2017, Lucky Red porta in sala Le Ereditiere, opera prima del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *