Home / RECENSIONI / Ben-Hur – Recensione – Un Film di Timur Bekmambetov

Ben-Hur – Recensione – Un Film di Timur Bekmambetov

Il più grande e indimenticato kolossal biblico sfornato dalla Hollywood del 1959, Ben-Hur torna nelle sale cinematografiche con un remake che manca di un cast solido, di passione e approfondimento sui rapporti complessi che intercorrono tra i personaggi e soprattutto di coraggio.

Il più grande e indimenticato kolossal biblico, vincitore di ben 11 premi Oscar nel 1959, Ben-Hur, rivive sui nostri schermi in un remake, ad opera di Timur Bekmambetov che cerca di riadattare lo storico best seller di Lewis Wallace alle esigenze cinematografiche odierne, e di mantenere l’imponenza di fondo che pervadeva l’opera originale di William Wyler. In una Gerusalemme vessata e controllata dall’impero Romano, Giuda Ben-Hur è un nobile giudeo cresciuto insieme al fratello adottivo Messala. I due sono molto legati ma gli eventi li porteranno a separarsi: Giuda è ingiustamente accusato di tradimento da Messala, divenuto ufficiale dell’esercito Romano. Privato del titolo, separato dalla famiglia e dalla donna che ama, Giuda è ridotto in schiavitù. Dopo anni passati per mare, Giuda fa ritorno alla propria terra d’origine per cercare vendetta, ma trovando invece la salvezza.

ben-hur-recensione-alto

Esaltato da scenografie imponenti e da alcune scene molto belle, suggestive e ben realizzate come tutta la sequenza in cui Giuda rimane prigioniero in una nave Romana e vive come schiavo rematore, fino al momento in cui non riesce a riconquistare la libertà, all’opera sembra mancare una drammaticità ed un’epicità che hanno reso un capolavoro l’originale. Manca un reale approfondimento sulla psicologia dei personaggi, sulle motivazioni che li muovono, o sui sentimenti  a volte contrastanti che li attraversano.

Interessante appare la famosissima scena della corsa delle bighe: Timur Bekmambetov riesce a portarci con Giuda Ben-Hur nella pista del circo romano. L’effetto è sporco, sabbioso, pericolante ma decisamente realistico. Il film avrebbe potuto chiudersi così in modo adrenalinico e coraggioso ma ciò non accade, cercando un rassicurante (e affrettatissimo) lieto fine. Il finale a “tarallucci e vino” in cui viene ripresa la questione cristologica per sottolineare il cambiamento spirituale di Giuda, sembra quasi di troppo e scollata dal resto del ritmo narrativo, quasi a voler enfatizzare quanto poco sia riuscito il lavoro introspettivo sui personaggi rispetto a quello più spettacolarizzante della mera messa in scena, a onor del vero più che discreta.

ben-hur-recensione-centro

Troppo lineare e didascalico, Ben-Hur tenta di toccare tutti i passi dell’opera originale per mantenerne integra la magniloquenza. Il risultato è un’opera mediocre che risulta piacevole e intensa in alcune scene d’azione, come quella finale della corsa delle bighe, ma che non riesce a raccontare il riscatto e la redenzione, temi presenti e significativi dell’opera del 1959.

Regia: Timur Bekmambetov. Con: Jack Huston, Toby Kebbell, Morgan Freeman, Rodrigo Santoro, Nazanin Boniadi, Ayelet Zurer, Sofia Black-D’Elia. Anno: 2016 Durata: 125 Min Paese: USA Distribuzione: Universal Pictures
Il più grande e indimenticato kolossal biblico sfornato dalla Hollywood del 1959, Ben-Hur torna nelle sale cinematografiche con un remake che manca di un cast solido, di passione e approfondimento sui rapporti complessi che intercorrono tra i personaggi e soprattutto di coraggio. Il più grande e indimenticato kolossal biblico, vincitore di ben 11 premi Oscar nel 1959, Ben-Hur, rivive sui nostri schermi in un remake, ad opera di Timur Bekmambetov che cerca di riadattare lo storico best seller di Lewis Wallace alle esigenze cinematografiche odierne, e di mantenere l'imponenza di fondo che pervadeva l’opera originale di William Wyler. In una Gerusalemme vessata e…
Commento finale - 55%

55%

Ben-Hur

Il più grande kolossal biblico, vincitore di ben 11 premi Oscar nel 1959, Ben-Hur, rivive sui nostri schermi in un remake, ad opera di Timur Bekmambetov che cerca di riadattarlo alle esigenze cinematografiche odierne e tenta di mantenere l'imponenza di fondo che pervadeva l’opera originale. Il risultato è un'opera dalle scenografie imponenti e con alcune scene molto belle e suggestive, come tutta la parte in cui Giuda rimane prigioniero in una nave Romana e vive come schiavo rematore, o tutta la sequenza della corsa con le bighe. Quello che realmente manca è l'approfondimento della psicologia dei personaggi, dei contrasti che li attraversano e delle motivazioni che li spingono. Manca la drammaticità, l'epicità e il coraggio di un finale non lieto che dia senso alla troppa linearità della storia.

User Rating: Be the first one !

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

transformers-5-recensione-film-copertina

Transformers – L’ultimo cavaliere – Recensione – Un Film di Michael Bay

Transformers – L’ultimo cavaliere: Il Re Mida delle esplosioni cinematografiche torna in sala con il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *