Home / RECENSIONI / Avventura / Abel – Il figlio del vento – Recensione – Un Film di Gerardo Olivares e Otmar Penker

Abel – Il figlio del vento – Recensione – Un Film di Gerardo Olivares e Otmar Penker

Nato come un documentario sulle aquile, e poi trasformato in un film di finzione, arriva al cinema Abel – Il figlio del vento, storia toccante che racconta la straordinaria amicizia tra un bambino e un’aquila. Una favola di scoperta, destinata sicuramente ad un pubblico molto giovane.

Presentato in anteprima nazionale durante la 46 esima edizione del Giffoni Film Festival, in concorso nella categoria Elements+10, Abel – Il figlio del vento è una favola di scoperta e di crescita che racconta la storia di Lukas un bambino che ha un difficile rapporto con il padre e che si incolpa della morte della madre, e Abel un aquilotto cacciato dal suo nido dal fratello e cresciuto e addestrato dallo stesso Lukas. Una profonda amicizia che regalerà al ragazzo serenità e coraggio e che permetterà al piccolo aquilotto di crescere e spiccare il volo verso le più alte vette alpine.abel-il-figlio-del-vento-recensione-alto

Nato inizialmente come un documentario sulle aquile e trasformato, due anni dopo, in un racconto di finzione, Abel – Il figlio del vento racconta la toccante e avvincente amicizia tra un bambino e un’aquila. Come in una favola, la voce fuori campo del personaggio interpretato da Jean Reno ci porta alla scoperta della natura e del suo interminabile ciclo in cui si snodano forza, vita e morte: in questo contesto un atto di amore e di amicizia sovverte questa catena e realizza l’impossibile, aprendo alla vita sia Lukas che AbelLukas è interpretato con intensità dal giovane Camacho (già premiato con il Goya in Spagna come miglior attore rivelazione), che sostiene senza difficoltà il rapporto scenico con Tobias Moretti, il padre, e soprattutto con Jean Reno, che presta con misura il suo viso forte al guardacaccia Danzer, voce narrante del film. È un piccolo cast di tre soli personaggi immersi nella forza della montagna, sovrastati ora dalla presenza e ora dall’assenza dell’aquila.

Interamente girato sulle Alpi, tra l’Austria e il Parco dello Stelvio, il film è dominato dal mondo della natura in cui Lukas e Abel vivranno immersi insieme per un’estate, legati uno all’altro in un rapporto fatto di fiducia e accudimento, che farà crescere entrambi fino al difficile momento di spiccare il volo da soli.

abel-il-figlio-del-vento-recensione-centro
Snodandosi intorno a grandi silenzi ed immensi paesaggi, Abel – Il figlio del vento troverà in un pubblico di giovanissimi l’audience ideale. Come nelle favole, la morale è evidente: il ragazzo e l’aquila hanno bisogno l’uno dell’altro ed entrambi devono riuscire ad allontanarsi dal nido per poter crescere e spiccare il volo.

 

Regia: Gerardo Olivares, Otmar Penker. Con: Jean Reno, Manuel Camacho, Eva Kuen, Tobias Moretti. Anno: 2015 Durata: 98 Min Paese: Austria Distribuzione: Adler Entertainment
Nato come un documentario sulle aquile, e poi trasformato in un film di finzione, arriva al cinema Abel - Il figlio del vento, storia toccante che racconta la straordinaria amicizia tra un bambino e un’aquila. Una favola di scoperta, destinata sicuramente ad un pubblico molto giovane. Presentato in anteprima nazionale durante la 46 esima edizione del Giffoni Film Festival, in concorso nella categoria Elements+10, Abel - Il figlio del vento è una favola di scoperta e di crescita che racconta la storia di Lukas un bambino che ha un difficile rapporto con il padre e che si incolpa della morte della…
Commento finale - 45%

45%

Abel, il figlio del vento

Nato inizialmente come un documentario sulle aquile e trasformato, poi, in un racconto di finzione, Abel - Il figlio del vento racconta la toccante e avvincente amicizia tra un bambino e un'aquila. Come nelle favole, la voce fuori campo del personaggio interpretato da Jean Reno ci porta alla scoperta della natura e del suo interminabile ciclo in cui si snodano forza, vita e morte: in questo contesto un atto di amore e di amicizia sovverte questa catena e realizza l’impossibile, aprendo alla vita sia Lukas che Abel. Il film si snoda intorno a grandi silenzi ed immensi paesaggi, sorretto da pochi dialoghi che lo rendono più idoneo ad un pubblico di giovanissimi che si sicuramente apprezzeranno questa storia di scoperta.

User Rating: Be the first one !

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

Song-To-Song-recensione-film-copertina

Song to Song – Recensione – Un film di Terrence Malick

Song to Song: Terrence Malick torna in sala dal 10 Maggio 2017, per la distribuzione di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *