Home / CINEMA / Woman in gold di Simon Curtis – Recensione Film

Woman in gold di Simon Curtis – Recensione Film

Dal regista di Marilyn, Simon Curtis, interpretato dal premio Oscar come miglior attrice protagonista per The Queen – La regina, Helen MirrenWoman in Gold è la toccante storia vera di una donna, Maria Altmann, che decide di lottare per riavere indietro un dipinto, Ritratto di Adele Bloch-Bauer di Gustav Klimt, detenuto indebitamente, in seguito al sequestro operato dai nazisti ai danni dei legittimi proprietari, una famiglia ebrea, la sua.

Woman in Gold è un film che torna a parlarci dell’Olocausto e dei nazisti, stavolta con gli occhi di una donna, raccontandoci una storia particolare nel tragico capitolo della storia austriaca e delle più terribili atrocità commesse all’ombra della Seconda Guerra Mondiale. Helen Mirren dona corpo e anima nell’interpretare Maria Altmann, una donna acuta, delicata, divertente, irriverente, riuscendo a passare velocemente dal registro ironico a quello drammatico. La strana coppia Mirren-Reynolds (il giovane e fascinoso avvocato che aiuterà Maria Altmann nel riavere ciò che le appartiene), che ricorda da vicino il film Philomena con Dench-Coogan, funziona benissimo donando all’opera una vivacità e due punti di vista opposti per storia e per generazione.

Giocato su flashback che ripercorrono la storia della giovane Maria, una bravissima Tatiana MaslanyCurtis fa parlare, in queste scene, gli attori in tedesco per dar maggiore credibilità e per affrontare il tema dell’appartenenza alla nazione da cui si proviene fino ad una scena in cui il padre di Maria, nel salutare sua figlia, dice “And now I speak in English, the language of your future”. D’altro canto la storia non può che conquistare per le sue implicazioni storiche, e per la giustapposizione tra il nuovo mondo, rappresentato da Los Angeles, e il vecchio mondo, quello di Vienna, volutamente intrisa di tradizione e passato.

Basato su un viaggio emotivo nel passato e negli orrori dell’olocausto,Woman in Gold è un onesto e commovente omaggio a chi dai nazisti fu spogliato di tutto finendo per pagare con la vita la propria identità. Il film non è solo una storia di giustizia, ma è una memoria che ci insegna a non dimenticare le grandi tragedie che sono accadute e che accadono del mondo: non si può restare indifferenti, ma bisogna conoscere, lottare e parlare per non commettere più, gli errori del passato, nel futuro.

Guarda il Video del nostro incontro con Helen Mirren e il regista Simon Curtis 

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

detroit-recensione-bluray-copertina

Detroit – Recensione del blu-ray disc dell’ultimo film di denuncia di Kathryn Bigelow

Detroit: Dopo la presentazione alla Festa del Cinema di Roma e il conseguente passaggio in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *