Home / HOME VIDEO / Pride – Recensione del Blu-Ray Disc
pride-2014-Matthew-Warchus-pride-01

Pride – Recensione del Blu-Ray Disc

[toggles]

Video

Video

Imperdibile e divertentissima proposta in alta definizione offerta da Teodora Film e distribuita da CG Entertainment. Il quadro video è oggettivamente molto buono e assolutamente inappuntabile per gran parte della visione. Permangono alcuni dubbi sulla gestione delle scene più scure, vero tallone d’Alchile per molte produzioni, dove non mancano leggeri segni di rumore video e alcuni artefatti che non rovinano comunque la visione del film.

[/toggles]

[toggles]

Audio

Audio

Perfetto il versante audio del blu-ray disc di Pride grazie all’inclusione di ben 3 formati audio (2.0 Stereo Dolby Digital, 5.1 Dolby Digital e 5.1 DTS HD Master Audio) sia per il doppiaggio italiano che per la traccia originale in inglese. Tutte le tracce risultano pulite e perfette sia durante i dialoghi che durante l’esplosione della meravigliosa colonna sonora.
[/toggles]

[toggles]

Contenuti Extra

Contenuti Extra

Poco articolato il comparto dei contenuti speciali che si limita all’inclusione di due soli e brevi approfondimenti: un making of sul film di circa quattro minuti, e di una featurette di circa tre minuti basata sui fatti realmente accaduti. Non mancano i canonici Trailer e Galleria Fotografica.

[toggles]

[/toggles]

Pride – Il Film

Cosa hanno in comune i minatori gallesi in sciopero durante l’Inghilterra Thatcheriana ed un gruppo di attivisti  gay e lesbiche londinesi? Molto di più di quanto possa sembrare ad uno sguardo superficiale, in primo luogo la consapevolezza dell’importanza dell’unione nella lotta per difendere i diritti civili.

Accolto con una vera e propria ovazione a Cannes e forte del successo al botteghino ottenuto in patria “Pride” si candida ad essere la pellicola anglosassone dell’anno.  Sostenuta da un ritmo serrato, una colonna sonora da urlo, una scrittura irresistibile ed un solidissimo cast fra cui spiccano le stelle Bill   Nighy,   Imelda   Staunton   e   Paddy   Considine. La pellicola del regista Matthew  Warchus conquista a mani basse il podio fra le commedie natalizie intrisa com’è di valori positivi quali la comprensione, l’importanza del coraggio e dei valori civili, la necessità imprescindibile di essere se stessi, la forza dell’unione. Inoltre pur nelle vesti di una irresistibile commedia “Pride” ha il pregio di rinverdire nell’annoiato pubblico odierno, che a fatica rammenta il contesto ideologico in cui sono svolte le vicende narrate, i ricordi di quel contesto sociale che tanta influenza ha avuto nella attuale società. Sono descritti infatti gli albori di quella società liquida che di lì a pochi decenni avrebbe coinvolto e travolto tutti noi, nell’ambito di quello storico braccio di ferro durante la quale la Iron Lady ha preferito affamare per mesi i minatori pur di affermare il principio per cui “lo stato non esiste” segnando per certi versi la fine dello stato sociale come diritto del cittadino.

Una pellicola dall’altissimo valore storico e civile che pur non potendo nascondere la disfatta storica di cui sarebbe stata protagonista di li a poco la classe operaia inglese afferma in maniera inequivocabile una delle lezioni di cui tutti facciamo fatica a ricordare, in un momento storico in cui internazionalmente l’opposizione arranca: un diritto è un diritto e va difeso a prescindere, senza se e senza ma.

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

tomb-raider-recensione-bluray-copertina

Tomb Raider – Recensione del Bluray 4K del film con Alicia Vikander

Tomb Raider : Dopo il buon riscontro di critica, sopratutto dei videogiocatori, Warner Bros. Entertainment Italia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *