Home / CINEMA / Nessuno Si Salva Da Solo di Sergio Castellitto – Recensione Film
Nessuno si salva da solo 01

Nessuno Si Salva Da Solo di Sergio Castellitto – Recensione Film

Se il 5 marzo decido di andare a vedere Nessuno Si salva da Solo al cinema, leggendone titolo e cast, da spettatore posso crearmi delle aspettative molto alte.

A partire da un cast che possiamo considerare internazionale oltre che italiano; da una parte abbiamo la protagonista femminile Jasmine Trinca che ,dopo aver lavorato con Moretti e i Taviani, é stata recentemente impegnata con Sean Penn in “The Gunman”. Dall’altra parte come protagonista maschile troviamo invece Riccardo Scamarcio che, dopo aver abbandonato da tanti anni i panni di bellone, viene da un percorso di crescita attoriale importante. Infine Sergio Castellitto che torna, dopo l’esperienza con Cipri, dietro la macchina da presa a dare luce alla ennesima trasposizione cinematografica di uno dei romanzi di successo della moglie, nonché sceneggiatrice del film, Margaret Mazzantini.

Castellitto porta sullo schermo l’ennesima storia d’amore con un tratto indistinguibile delle sue opere, l’intensità massima richiesta agli attori, utilizzando anche l’artefizio del sesso, che anche se necessario in questa storia probabilmente è fin troppo eccessivo. Visto il curriculum e considerata la loro età, la performance del duo protagonista non è proprio esemplare. Deludono e non poco i due ragazzi, fisicamente perfetti, attorialmente un po meno. Belli e bravi, ma però quando si tratta di alzare i toni del ruolo. Emblematica è la scena di gelosia a metà del film, nei presi del porto, veramente poco convincente.  Nota di merito all’aspetto tecnico del film, in particolare, alla direzione della fotografia capace di elevare al meglio il lavoro registico di Castellitto.  Meno convincente il lavoro di Chiara Vullo, al montaggio, che rende poco fluidi alcuni momenti del film, si passa da una scena all’altra senza un chiaro perché . Un film complessivamente interessante per i fan di Sergio Castellitto e Margaret Mazzantini, che purtroppo non fa breccia nel nostro cinema come avrebbe potuto.

Un film per coppiette felici o sulla via del tramonto.

 

About Francesco Salvetti

Laureando in Ingegneria Gestionale presso l'università di Tor Vergata, da sempre appassionato di cinema.

Guarda anche

ferrante-fever-recensione-film-copertina

Ferrante Fever – Il mistero dell’autrice Elena Ferrante arriva al cinema

Ferrante Fever: Arriva in sala, con un uscita evento il 2-3-4 ottobre 2017, il docufilm …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *