Home / RECENSIONI / Commedia / Natale col Boss di Volfango De Biasi – Recensione Film

Natale col Boss di Volfango De Biasi – Recensione Film

L’ex cinepanettone targato De Laurentiis cambia definitivamente natura: abbandonato Neri Parenti e la vecchia formula del cinepanettone classico ad episodi, Natale col Boss trasforma definitivamente il celebre film di Natale in una commedia poliziesca molto divertente che di natalizio ha solo il titolo, qualche addobbo e il periodo di uscita.

“E’ da colpi di fulmine che avevamo preso una direzione diversa. Già l’anno scorso il film aveva una sua coralità. Le idee che Lillo&Greg mi avevano proposto le ho sempre trovate molto teatrale e poco cinematografiche fino a quando lavorando e continuando a sentirci si sono trovati degli spunti interessanti per poterci fare un film. La prima idea era di scambiare Peppino di Capri col boss della camorra. Il film di Natale ogni volta diviene una scommessa: in 9 mesi si deve trovare l’idea, svilupparla, editarla e realizzarla”. Come affermato dal presidente del Napoli Calcio, DeLaurentiis e De Biasi hanno avuto il coraggio di cambiare completamente strada rispetto ai fortunati ma ormai irripetibili percorsi passati dando vita ad un simpatico prodotto di genere che parodizza il poliziesco in salsa mafiosa, una commedia in cui finalmente si ride di gusto grazie alle situazioni equivoche e alla parodia vecchia maniera in cui non mancano citazioni.

Ciò che resta l’aspetto più interessante è il segno del travestimento che attraversa il film da cima a fondo e ne rivela la natura anomala. In tal senso il la viene dato dalla chirurgia plastica in cui sono maestri i personaggi di Lillo e Greg; da qui si dipanano una serie di situazioni/gag che ruotano intorno al tema dello scambio e dell’inganno: il duo comico romano si esibisce ad un certo punto nelle imitazioni l’uno del De Niro di Taxi Driver l’altro nel Brando de Il padrino, Paolo Ruffini e Francesco Mandelli fanno clamorosamente ridere e strappano applausi in una  scena che cita apertamente Gomorra di Garrone. Impossibile poi non sottolineare la prova d’attore di Peppino Di Capri, credibilissimo nello spaziare tra il proprio reale io e il volto di uno sboccato, violentissimo e folle boss mafioso.

Volfango De Biasi, alla seconda fatica come regista del film natalizio per eccellenza, conferma il suo percorso verso una commedia più raffinata e strutturata rispetto al passato. Natale col Boss risulta sicuramente essere il più riuscito tra i film natalizi almeno sulla carta. Agli spettatori, poi, l’ardua sentenza.

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

eyes-recensione-film-copertina

Eyes: contro la violenza e l’indifferenza nel mondo

Un corto allegorico e potente dove spesso la metafora si avvita su sé stessa, ma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.