Home / RECENSIONI / Drammatico / Mommy di Xavier Dolan – Recensione Film

Mommy di Xavier Dolan – Recensione Film

Si rende disponibile finalmente ed ufficialmente in Italia l’ultimo lungometraggio del giovanissimo Xavier Dolan, venticinquenne regista canadese, già ampiamente conosciuto ed apprezzato da appassionati e addetti ai lavori, ma mai distribuito nel nostro paese. Distribuzione nazionale  che arriva oggi con il suo quinto film grazie a Good Films ed al recentissimo “Premio della Giuria”, ottenuto al Festival di Cannes 2014, ad ex-æquo con Adieu au langage di Jean-Luc Godard, un progetto sperimentale del grande regista francese premiato più per i meriti di carriera che per il reale valore dell’opera. Ma torniamo a Mommy.

Fin dal suo primo film il giovane regista canadese ha affrontato il tema dell’amore partendo dall’adolescenza fino ad arrivare alla transessualità. E’ forte il suo desiderio di trattare argomenti universali legati ago e filo alla vita di ogni individuo. Mommy ci spinge nella periferia canadese grazie alla ricostruzione di un rapporto d’amore profondo e complicato tra una madre sola ed il suo figlio problematico. Una fotografia fredda, pervasa però da una luce calda, ci mostra dei personaggi appesi al filo della speranza, la loro vita problematica li oscura e li stringe in una morsa claustrofobica apparentemente insormontabile. Per delineare ancora di più il respiro soffocante dell’opera Dolan ci immerge in girato in formato 1:1, per quasi tutta la durata del film, che  indugia spesso sui volti dei protagonisti. Le poche inquadrature a schermo pieno sono invece destinate ai momenti di speranza, come quando simbolicamente le mani del giovane protagonista allargano l’immagine in segno di liberazione. Una scelta registica forte che in primo luogo può risultare erroneamente presuntuosa, ma che delinea ancora più profondamente il talento di questo giovane autore. Ottime interpretazioni ed una colonna sonora meravigliosamente azzeccata completano e chiudono un cerchio perfetto.

Diana sogna per il figlio un futuro diverso, Steve nonostante tutto ama visceralmente sua madre che vorrebbe proteggere e curare al posto di un padre defunto mentre Kyla, cerca disperatamente di superare il suo dolore. L’amore incondizionato farà finalmente quadrare i conti?

Bruciante  e imperdibile è un film di una potenza soffocante.

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

mia-vita-john-f-donovan-recensione-film-copertina

La mia vita con John F.Donovan – Un cast stellare al servizio di Xavier Dolan

La mia vita con John F.Donovan: A un anno dalla presentazione al Toronto Film Festival, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.