Home / CINEMA / La Isla Minima di Alberto Rodríguez Librero – Recensione Film
La Isla Minima di Alberto Rodríguez Librero - 02

La Isla Minima di Alberto Rodríguez Librero – Recensione Film

Vincitore di ben dieci premi Goya, tra i quali miglior film, “La Isla Minima”, approda finalmente nei cinema italiani con un anno di ritardo e un grande accumulo di aspettative. Scritta e diretta da Alberto Rodríguez Librero, arrivato alla ribalta con il precedente “Grupo 7” (2012), “La Isla Minima” è un opera intrigante nel suo legare il genere thriller alla ricerca sociale.

Ambientato nel 1980 nel profondo Sud della Spagna, a soli cinque anni dalla morte del dittatore spagnolo Francisco Franco, il film è una rappresentazione ottimamente delineata delle difficoltà del cambiamento di un popolo. La ricerca dell’ennesimo serial killer  è solo un pretesto per affrontare argomenti ancora oggi scomodi all’interno di un paese finalmente libero.

Alla fine della visione non sarà importante chi è la assassino ma come i due protagonisti, hanno affrontato in modo totalmente opposto le difficoltà di un territorio ostile tanto nella sua ambientazione quanto nei suoi abitanti. Due detective completamente all’opposto accumunati solo dal desiderio di risolvere il caso.

Con una struttura narrativa che rimanda a classici come “Zodiac” e “Seven”, e un’ambientazione che riporta alla mente la prima stagione di “True Detective”, “La Isla Minima” è un racconto costantemente in contrasto con l’idea della Spagna festosa che abbiamo oggi. Un ritratto pallido e melmoso di inquietante oppressione sociale, affronta in modo maturo le difficoltà del cambiamento.

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

un-altra-vita-mug-recensione-film-copertina

Un’Altra Vita – Mug – Ritratto della Polonia contemporanea disteso tra passato e futuro

Un’Altra Vita – Mug: Vincitore del gran premio della giuria alla 68-esimo festival internazionale del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.