Home / CINEMA / Gemma Bovery di Anne Fontaine – Recensione Film
Gemma Bovery 03

Gemma Bovery di Anne Fontaine – Recensione Film

Gemma Bovery è una creatura cinematografica che sperimenta e si plasma nel corso di un’accesa lotta tra il peso di un Nome ed il libero arbitrio. Un po’ prototipo Letterario, un po’ Graphic Novel, la pellicola è manovrata da una regìa vigile ma discreta, tesa a riadattare ed amalgamare il tutto elegantemente, senza guardare tutto troppo da vicino. Anne Fontaine è così discreta da mandare qualcun altro, un personaggio coinvolto, a spiare e supervisionare al posto suo.

Martin (Fabrice Luchini) è spettatore, protagonista e servo vigile del teatro di posa ed è il vero Deus ex machina che manovra, volontariamente e non, la prospettiva ed il susseguirsi degli eventi. Gemma risveglia i suoi sensi addormentati, come quelli della Normandia in cui si svolgono i fatti (immortalata nella stagione migliore)  ed incarna il suo amore per Flaubert, fondendosi idealmente con i suoi libri e la sua panetteria. Le luci sono calde, morbide. Il pane è onnipresente e protagonista. Tutte le donne, meno la protagonista, sono spigolosissime, all’esterno come all’interno.

Il cinema francese è sempre quella straordinaria creatura ibrida mezza Teatro e mezza Grande Schermo. Gemma incarna le donne di quel filone letterario che condanna quella capacità, tutta femminile, di morire tragicamente in nome dell’amore.

A cavallo tra Cinema e Teatro, Commedia e Dramma, lo spettatore non sa mai se (e quando) ridere o piangere. Il finale vale tutti gli altri 98 minuti di Film.

About Giovanna Trantino

Giovanna Trantino
Sicula & terrona doc, da piccola le piaceva disegnare, scrivere e cantare. Adesso canticchia, disegnicchia e scribacchia prima, durante e dopo la visione di Film e Serie Tv. Ogni tanto si aliena con pellicole dalle imponenti colonne sonore, libri di fantascienza e graphic novels. Siccome i soldi le fanno schifo, recentemente si é anche iscritta ad un corso d'Inglese per pippe. Sogna di indossare le vesti di una supereroina dei manga giapponesi e di rubare un vestito color cipria a Scarlett Johansson. Talvolta entra dentro i centri scommesse e si trasforma in una Logopedista. Scrive da pochissimo per Daruma, fondamentalmente perché le piace sindacare, polemizzare e chiacchierare di Cinema e dintorni.

Guarda anche

il-bambino-e-il-maestro-recensione-film-copertina-min

Il bambino è il maestro – Reale rappresentazione del rivoluzionario metodo Montessori raccontato in una scuola francese, tra le prime ad averlo adottato.

Esperienza vissuta in prima persona da parte del regista e padre Alexandre Mourot, il quale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.