Home / RECENSIONI / Avventura / Game Therapy di Ryan Travis – Recensione Film
Game therapy - 01

Game Therapy di Ryan Travis – Recensione Film

Atteso con passione da oltre 3.500.000 di appassionati dei quattro youtuber protagonisti, “Game Therapy” è stato presentato alla decima edizione della Festa del Cinema di Roma 2015, nella manifestazione collaterale Alice nella città, certificando, se ancora ce ne fosse il bisogno, il declassamento artistico e culturale della manifestazione.

Come ci si aspettava “Game Therapy” è un film brutto, nato con una sola idea in mente: “Big Money”. Il guadagno è l’unico obiettivo di un progetto povero, caratterizzato da una struttura e narrazione taglia e cuci con idee scopiazzate da tutto l’immaginario cinematografico sci-fi, da Matrix a Ghost in the Shell, per una trama che ricorda “Gamer” di Mark Neveldine e Brian Taylor con Gerard Butler e Michael C. Hall, che già era un bel film pacco.

“Game Therapy” pone la real life e il mondo videoludico, con i videogiocatori rappresentati come gli sfigati de “La rivincita dei nerd”, in un contesto ricco delle solite tematiche spicciole di aggregazione sociale. Così mentre il nostro cinema produce film genuini e geniali poco reclamizzati come “Lo Chiamavano Jeeg Robot”, l’esordio alla regia di Ryan Travis, un curriculum vitae composto da videoclip e spot Tv, arriva in sala con l’obiettivo non dichiarato, ma tangibile, di essere un prodotto da marchette e product placement.

Ad essere sinceri il film è anche meglio di quello che ci aspettavamo, nonostante ciò resta comunque scarso. I quattro ragazzi faticano drammaticamente nel mettere in piedi una sola interpretazione credibile, anche se la performance di Federico Clapis, a metà strada tra un Renato Pozzetto e un Massimo Boldi d’annata, strappa qualche risata. Quattro ragazzi inseriti in un gioco più grande di loro non ne usciranno con le ossa rotte solo grazie all’affetto dei loro fan che correranno comunque al cinema. Concettualmente e idealmente inutile.

Curiosità: in una scena del film si afferma metaforicamente che la Playstation 4 è la Master Console, profumo di Console War in vista?

Guarda il Video della Conferenza con i quattro protagonisti

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

the-boy-2-la-maledizione-di-brahms-dvd-bluray-copertina

The Boy 2 – La maledizione di Brahms ora in DVD e Bluray

La bambola Brahms torna in home video per seminare nuovamente terrore Midnight Factory, etichetta di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.