Home / RECENSIONI / Azione / Fast & Furious 7 di James Wan – Recensione Film
Fast & Furious 7 di James Wan 04

Fast & Furious 7 di James Wan – Recensione Film

Attesissimo dai fan della serie sarà per sempre ricordato come l’ultimo capitolo con la partecipazione del compianto Paul Walker (Brian O’Conner), deceduto il 30 novembre 2013 con le riprese del film ancora in corso, attore simbolo della saga e spalla ideale del protagonista Vin Diesel (Dominic Toretto). In realtà il settimo capitolo della saga cinematografica nata come rappresentazione del mondo delle corse e battaglie automobilistiche clandestine, sviluppata nel corso del tempo come film d’azione con venature da heist movie, si segnala anche come l’inizio di un nuovo corso per la saga, Diesel ha già annunciato che Fast & Furious 7 sarà l’inizio di una nuova trilogia, oltre che per l’ingresso dietro la macchina da presa di James Wan subentrato a sua volta allo storico regista della serie Justin Lin.

Il regista, sceneggiatore e produttore di origini malesi ma naturalizzato australiano, autore di pellicole intriganti come “Saw – l’enigmista” (2004), “Dead Sentence” (2007) e “Insidious” (2010), che hanno di fatto rivitalizzato e rinverdito con il suo stile riconoscibile il genere thriller e horror dei primi anni del ventunesimo secolo, ha accettato la sfida, forse anche coraggiosamente, di dirigere una saga collaudatissima, vissuta dai protagonisti come una famiglia, capace di migliorassi capitolo dopo capitolo sia nell’esposizione che nelle scene d’azione sempre più epiche ma soprattutto esagerate. Scommessa vinta grazie alla realizzazione di uno degli episodi più esplosivi e spettacolari. Il trionfo dell’action sviluppato grazie alla capacità di sottomettere il suo stile registico, assolutamente riconoscibile, al impianto narrativo esagerato che da sempre caratterizza le avventure della Toretto Family.

Film esplosivo, il più folle della serie che grazie anche all’inserimento nel cast di altri due mostri sacri dei film d’azione moderni come Jason Statham (Transporter)  e Tony Jaa (Ong-Bak), la partecipazione del leggendario Kurt Russell (1997: Fuga da New York) e della campionessa di Judo Ronda Rousey, ai quali vale la pena ovviamente aggiungere Dwayne “The Rock” Johnson (Luke Hobbs) e Michelle Rodriguez (Leticia Ortiz) oltre ai già citati Diesel e Walker, vede accrescere esponenzialmente il tasso di testosterone. Un parco di attori e atleti granitico e di tutto rispetto inferiore, ma solo numericamente, all’imponenza del roster della trilogia dei Mercenari capeggiati da Stallone.

Azione esplosiva, auto da corsa, acrobazie da sballo con salti impossibili con e senza autovettura, gag riuscite e scontri fisici leggendari, Fast & Furious 7 è un film imperdibile per tutti gli amanti del genere. Doveroso l’omaggio finale a Paul Warker.

Allacciate le cinture per l’ultimo giro dell’impossibile e del sollazzo.

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

auguri-per-la-tua-morte-recensione-film-copertina

Auguri per la tua morte, il teen horror-comedy movie improntato sul loop temporale

Auguri per la tua morte: Dopo la delusione di Prima di Domani, arriva al cinema …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *