Home / CINEMA / Crimson Peak di Guillermo del Toro – Recensione Film
Crimson Peak - 05

Crimson Peak di Guillermo del Toro – Recensione Film

Il regista messicano Guillermo del Toro torna in sala con quello che dovrebbe essere il capitolo conclusivo di una trilogia sui fantasmi iniziata con “La Spina del Diavolo” e continuata poi con “Il Labirinto del Fauno”. Il condizionale è d’obbligo perché nelle nostre ricerche non abbiamo trovato dichiarazioni ufficiali in merito e soprattutto, contrariamente ai capitoli precedenti, il film è prodotto e distribuito da una major hollywoodiana.

Messi da parte per il momento mostri e robottoni, uno dei registi più nerd e cupi della nuova generazione porta al cinema un film iconico che fa delle ambientazioni gotiche e nella cura del dettaglio visivo il suo miglior pregio. Sostenuto da buone interpretazioni di un cast di stelle di talento (Mia WasikowskaJessica ChastainTom Hiddleston e Charlie Hunnam), “Crimson Peck”, segna il ritorno ai fantasmi con una narrazione spesso stanca e ridondante affidata sempre alle stesse situazioni. Più che un doveroso omaggio alle pellicole della Hammer Film Production, come qualcuno ipotizza in rete, sembra quasi una parodia delle stesse. Nel film si ride anche troppo, non permane mai nello spettatore attento un’emozione differente che non sia il disgusto e delusione per un’occasione sprecata.

 “Crimson Peck” offre una splendida visione estetica, un tuffo al cuore per ambientazioni gotiche e una cura maniacale. Purtroppo manca una storia decente, dei dialoghi all’altezza e una visione di insieme da film e non degna di un romanzo Harmony. Senza idee e cuore.

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

The Lighthouse – Recensione del film di Robert Eggers con Willem Dafoe e Robert Pattinson

Ebbene, recensiamo The Lighthouse, opus n.2 di Robert Eggers dopo l’acclamatissimo The Witch. Se vogliamo essere più precisi, il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.